foto,notizie ed eventi.. settembre 20, 2102 \\

Sarà il volto del nuovo calcio? .....staremo a vedere..in su

e' ritornata.....con lei la buona musica....in su

Magic Mike film del momento..articolo direttamente in inglese...in su

Rumors abound that a follow-up is in the works and that Channing Tatum may direct
Earlier this week, Channing Tatum again fueled rumors of a sequel to this summer’s “Magic Mike,” Steven Soderbergh’s male stripping drama that was partly based on Tatum’s own experiences early in his career. Since the low-budget film made an impressive $113.5 million domestically and another $41 million overseas, it’s not a surprise that Warner Bros. and the film’s producers would be eager to talk about a follow-up.


 Not that the potential film sounds like a done deal. Speaking to a European reporter, Tatum’s comments quickly shot around the globe. Because Soderbergh insists that he is taking a long break from the movies as soon as he completes his latest film, “Behind the Candelabra,” the Liberace biopic starring Michael Douglas and Matt Damon, Tatum speculated that perhaps he would direct the next “Magic Mike” film himself, along with producing partner (and the original film’s screenwriter) Reid Carolin, who upped the ante with his own comments to the French site, AlloCine. “We have a story,” Carolin said, “and it is ridiculous and fun. It’s a road movie sort of thing, where a bunch of strippers get back together. It’s more of a broad comedy. I don’t know whether it will happen or not.”

Considering how “Magic Mike” ended, I think it might seem rather forced to send Tatum’s character back to the stripper’s pole. And frankly, a “Magic Mike” movie without stripping would be like a James Bond movie without martinis, babes, or gadgets. To be honest, I was not a huge fan of Soderbergh’s film. It wasn’t the stripping scenes that I minded—I thought those were very fun and that 32-year-old Tatum could still gyrate with the best of them. It’s just that I thought there was more character development in “The Oogieloves in the Big Balloon Adventure!” Why would anyone want to revisit these guys—especially Alex Pettyfer’s “the Kid” who went from a clueless rube at the beginning of the film to a narcissistic mess by the end? On the other hand, I was very impressed by Cody Horn and Olivia Munn's performances and wouldn’t mind seeing more of those two.

What do you think? Should Tatum and Carolin move forward with a “Magic Mike” sequel or should they cut bait after producing the the Broadway stage version of the film that is reportedly also in the works?

Ispirato all'esperienza reale di Channing Tatum, il nuovo film di Steven Soderbergh racconta luci e ombre del mondo dello strip tease maschile. Con Matthew McConaughey e Alex Pettyfer.

Magic Mike è il nuovo film di Steven Soderbergh ed è un viaggio realistico all'interno dell'universo dello strip tease maschile. A dare credibilità alla storia c'è il fatto che Channing Tatum, il protagonista, da ragazzo ha fatto lo stripper proprio a Tampa, Florida, dove è ambientato il film. E' ovvio che Tatum, che è anche il co produttore, abbia avuto una parte importante nell'allestimento della storia. In questo senso è folgorante la battuta dello sceneggiatore Reid Carolin: "se avessimo raccontato come stanno davvero le cose non ci avrebbe creduto nessuno".

Lo schema narrativo è piuttosto classico: l'ambiente dello strip maschile viene raccontato in modo spettacolare e dettagliatissimo, anche nelle sue figure minori. C'è Dallas, il carismatico proprietario del club, un Matthew McConaughey in grande forma, il protagonista, un ragazzo che non riesce ad andare avanti come piccolo imprenditore edile e fa la star nel club come Magic Mike, Channing Tatum, il giovanissimo introdotto all'ambiente che finisce sulla brutta strada e sua sorella, che vivrà una storia d'amore con Magic Mike.

 

E' ovvio che la parte del leone la fa lo spettacolo di corpi muscolosi maschili messi in mostra per donne che si divertono soprattutto a guardare e a infilare banconote nelle mutande dei performer. La regola aurea sarebbe guardare e non toccare ma, si sa, che il miglior modo per arrotondare gli stipendi è rimediare laute mance con rapporti, diciamo così, in privato o facendo gli special guest di feste private.

In questo mondo di muscoli ultra palestrati arriva il diciannovenne Adam, Alex Pettyfer, che, incoraggiato e avviato proprio da Magic Mike, nonostante la sua timidezza, diventa uno stripper professionista lasciandosi però travolgere dalla droga e dalla vita di eccessi e rapporti da una notte. Il tutto nonostante sia seguito da una sorella ultra protettiva che finisce per avere una storia d'amore con Mike.

Al di là del divertimento e della spettacolarità dello show, Soderbergh racconta il dietro le quinte di un mondo borderline mettendo in luce tutte le contraddizioni e i guasti di un'esistenza fondata su una doppia identità.

Paolo Biamonte

  Il rosso e il blu
"Nella scuola c'è un dentro e un fuori e noi ci dobbiamo occupare solo di ciò che è dentro"
 
Quattro storie si sfiorano e si incrociano in una scuola di Roma: un vecchio professore di storia dell'arte, cinico e sagace, che ha smarrito il senso del suo lavoro; un giovane supplente al suo primo incarico, pieno di fiducia e animato da grandi propositi; una preside impeccabile e rigorosa che si ritrova, suo malgrado, ad occuparsi di un buffo quattordicenne la cui madre sembra scomparsa nel nulla; Adam e Melania che si scontrano, si incontrano, si innamorano e sfidano la sorte già stabilita per loro dagli adulti.

Tratto dall’omonimo romanzo di Marco Lodoli (ed. Einaudi) e diretto da Giuseppe Piccioni (affermato e acclamato regista già autore di film cult e pluripremiati come Il grande Blek – Fuori dal mondo – Luce dei miei occhi), Il rosso e il blu è una commedia sul mondo della scuola, un racconto corale che unisce sentimento e ironia, passione e leggerezza.

Protagonisti del film un cast di giovani promesse guidato da un trio di attori d'eccezione: Margherita Buy, Riccardo Scamarcio e Roberto Herlitzka.

"Nella scuola c'è un dentro e un fuori e noi ci dobbiamo occupare solo di ciò che è dentro", secondo la preside interpretata da Margherita Buy: ma è proprio da fuori che sembrano arrivare per tutti le lezioni più importanti.

anche lo sport a nudo...no comment

vecchi ricordi per vecchi toyboy....foto cliccatissima..no comment

Preparatevial grande evento.....in su

I richiestissimi Borgia...serie tv....no comment


 

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).