Mostra del Cinema di Venezia- "Istintobrass" film documentario sulla vita di Tinto Brass. agosto 30, 2013 \\

Venezia 70 celebra l'eros di Tinto Brass


 70esima Mostra del cinemaLindsay Lohan dice no a Venezia"Istintobrass" tra erotismo e realtà
Tinto Brass, re a Venezia 70Tinto Brass, i cult del suo cinema erotico

 Alla Mostra del Cinema di Venezia arriva "Istintobrass" il film documentario di Massimiliano Zanin sulla vita di Tinto Brass. 
Un Tinto politico, un cinema pieno di invenzioni linguistiche, elaborato grazie al contatto con i registi Joris Ivens e Roberto Rossellini. 
Nel cast Helen Mirren, Gigi Proietti, Serena Grandi e molti altri. 
Un cinema quasi dimenticato che il documentario si occuperà di riportare alla luce attraverso il racconto di quattro fra i più importanti critici cinematografici, prima di passare alla vita privata di Tinto, al rapporto speciale con la moglie Tinta e con i tanti attori che con lui hanno collaborato. E poi ancora i primi grandi successi di pubblico, il cinema sul potere di "Salon Kitty" e "Caligula" e la consacrazione presso il pubblico internazionale con "La Chiave". 

Il documentario si spinge poi fino al presente, al Brass personaggio mediatico e alla sua iconografia del piacere voyeuristico. Un'immagine ormai sedimentata presso il pubblico, che viene approfondita attraverso i racconti di Gigi Proietti, del premio Oscar Helen Mirren, dell'attore-feticcio Franco Branciaroli, di Serena Grandi, di Franco Nero e del due volte premio Oscar Sir Ken Adam.

"Guardando il documentario di Zanin - dichiara Tinto Brass - sono tornato con la memoria ad alcuni dei miei film che ho amato particolarmente, come “L'Urlo” ad esempio. Oggi non è più possibile realizzare quel tipo di cinema, né l'ho mai visto fare da altri nel corso di questi anni. Sono contento di tornare a Venezia, soprattutto in un’occasione come questa. E' una città mi ha dato l'ispirazione erotica e cinematografica, e molte altre idee che per la maggior parte sono rimaste chiuse nel cassetto. Ho ancora 40 copioni, continuo però a sognare pensando ancora oggi che siano una materia valida sulla quale lavorare".

"Un anarchico della pellicola - cpnclude il regista Massimiliano Zanin - uno sperimentatore geniale, un inventore di sogni. Un vero grande artista il cui messaggio di libertà si imprime come un marchio a fuoco in ogni suo film. Questo film vuole raccontare un uomo controcorrente, che “ama l’amore” in un mondo che adora la violenza, il suo subire ogni censura portando sempre e comunque avanti un cinema che è primato della forma sul contenuto, del significante sul significato".

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy