La Venere di Milo....prostituta maggio 12, 2015 \\

LA VENERE DI MILO ERA UNA PROSTITUTA! - UNA RICOSTRUZIONE DELLA SCULTURA MOSTRA COME AFRODITE FOSSE STATA RITRATTA NELL’ATTO DI FILARE. ATTIVITA’ CHE SVOLGEVANO LE PROSTITUTE GRECHE NEI MOMENTI DI RIPOSO 
ricostruzione
Una volta ritenuta plausibile l’ipotesi della “Venere filatrice”, il progettista americano Cosmo Wenman è passato all’azione, creando un render 3D della statua. Incrociando vari disegni, schizzi di Barber e i dipinti sui vasi greci, è riuscito alla fine ad ottenere una posa che risultasse realistica e compatibile con la scultura…

venus milo
Da http://www.dailymail.co.uk/
 
 
Una volta ritenuta plausibile l’ipotesi della “Venere filatrice”, il progettista americano Cosmo Wenman è passato all’azione, creando un render 3D della statua. Incrociando vari disegni, schizzi di Barber e i dipinti sui vasi greci, è riuscito alla fine ad ottenere una posa che risultasse realistica e compatibile con la scultura…

 
 venus vaso
La venere di Milo è una delle statue più famose del mondo, ma la sua posa è rimasta un mistero fin da quando fu ritrovata circa 200 anni fa. Si è pensato che la dea della bellezza reggesse uno specchio, una mela o una lancia. Ma ora si è scoperto che Afrodite è stata probabilmente raffigurata nell’atto di filare.
 
La teoria della “Venere filatrice” era già stata proposta da un esperto d’arte, Barber, che aveva notato donne ritratte nella medesima posa su vasi greci risalenti al 100 a.C., l’epoca in cui la Venere venne scolpita. Sui vasi di Barber erano ritratte delle prostitute mentre filavano, un’attività che svolgevano per tenersi impegnate tra un cliente e l’altro.
 
La Venere di Milo al Louvre di Parigi:
 

 
Venere, dea della bellezza, dell’amore e quindi della riproduzione, sarebbe ritratta in questa posa proprio nell’atto di creare qualcosa una massa amorfa.
 
Una volta ritenuta plausibile l’ipotesi della “Venere filatrice”, il progettista americano Cosmo Wenman è passato all’azione, creando un render 3D della statua. Incrociando vari disegni, schizzi di Barber e i dipinti sui vasi greci, è riuscito alla fine ad ottenere una posa che risultasse realistica e compatibile con la scultura.
 

Il progetto su computer è stato poi preso in mano da un team di esperti che ha realizzato un vero e proprio modellino in plastica, grazie a una stampante 3D. Gli strumenti che la Venere tiene in mano sono stati realizzati separatamente, e poi il tutto è stato assemblato restituendo alla Venere quella che si pensa essere la sua posa originale.
 
Nella realizzazione della replica, Wenman si è accorto che gli strumenti originali non potevano essere di marmo, poiché troppo pesanti. È probabile che fossero fatti di legno laccato oro, in modo da attirare lo sguardo degli spettatori sull’attività del filare.
 

Se il materiale originale fosse davvero il legno, allora si potrebbe spiegare perché anche tutti gli altri strumenti delle statue greche sono andati perduti o distrutti. L’esperimento di Wenman dimostra infatti che potrebbero essere stati rubati o semplicemente essere andati distrutti nel tempo.
 
 

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy