Alfred Milot Mirashi , alla biennale di Pechino 2015 , VI edizione , al Museo nazionale di Pechino , China settembre 19, 2015 \\

Alfred Milot Mirashi , alla biennale di Pechino 2015 , VI edizione , 
al Museo nazionale di Pechino , China



Presso la Federazione dei Circoli letterari e d’arte in Cina, il 16 settembre scorso si è tenuta la Conferenza stampa con la quale sono state date tutte le comunicazioni inerenti la Biennale di Pechino, quest’anno alla VI edizione, la quale è diventata un appuntamento considerevole per gli artisti, per gli operatori e per il pubblico, tanto importante che si è dovuta effettuare una forte selezione e trovare i partecipanti più idonei a rappresentare le varie nazioni, per la precisione 103 di cui 102 non cinesi.

In tale panorama è esplicita l’importanza della partecipazione per un artista a questo appuntamento, anche data la visibilità delle opere e il grande afflusso di stampa e di pubblico.

Tra gli artisti partecipanti Alfred Mirashi, in arte Milot, è sicuramente un personaggio in grado di esprimere l’arte di oggi, con una visione internazionale. Giovane, ma già affermato, è nato in Albania e poi ha compiuto i suoi studi in Italia e per il suo spirito internazionale, assieme alla sua innata curiosità e il particolare amore per la creatività altrui, effettua spesso viaggi in varie parti del mondo e si nutre delle culture che incontra.

Alla sesta Biennale di Pechino, Milot partecipa con l’opera “Angolo Mediterraneo”, un dittico eseguito a tecnica mista su tela (cm. 180x190) e già il titolo stesso induce ad ampie riflessioni, ancor più se si conosce il suo spirito creativo e la sua espressione artistica per cui egli ha adottato un linguaggio adatto alle esigenze della modernità di pensiero. Le sue opere, e “Angolo Mediterraneo” nello specifico, sono poetiche, gradevoli, immediate e profonde nello stesso tempo, radicate nella sua vasta cultura e nella socialità odierna, caratteristiche che devono essere emerse alla Commissione selezionatrice della Biennale, il cui tema di questa edizione è “Memoria e sogno”.

La Giuria e i curatori che hanno esposto le scelte effettuate era guidata da Zuo Zhongyi, Liu Dawei, Feng Yuan, Wu Changjiang, con il Consigliere Shao Dazhen, mentre i curatori sono: Ding Ning, Wang Yong, Lu Yushun, Tian Liming, Liu Jian, Liu Jin'an, Li Xiangqun, Yang Feiyun, Zhang Xiaoling, Hang Jian, Hu Wei, Xu Li, Tao Qin, Chao Ge, Dong Xiaoming, Tan Ping, Xue Yongnian.

Saranno, quindi, esposte 725 opere di artisti provenienti da 96 Paesi compresa la Cina, selezionati tra 18386 domande di ammissione e sono previste alcune partecipazioni speciali: il Sud-Est asiatico, Canada, Sud Africa, Ecuador, Armenia, Cile.

La Biennale di Pechino, sesta edizione, sarà allestita dal 24 settembre al 16 ottobre prossimi presso il National Art Museum of China e le intenzioni della mostra sono quelle di mostrare l’universalità dell’arte senza sopprimere le varie identità nazionali. Tutto ciò affinché il mondo possa essere governato da: “bellezza, speranza, sogni”.

L'Artista Milot e invitato a tenere una conferenza su Arte , e la funzione che essa può, come punto di incontro tra i popoli , alla apertura della Biennale di Pechino , sotto il patrocinio del Ministero della Cultura Chinese .

 

Alfred Milot Mirashi

Nasce in Albania nel 1969, si diploma in pittura presso l’Accademiadelle Belle Arti di Brera a Milano nel 1999. Nel 1997 vince una borsa di studio “Socrates Erasmus” per la University of Art & Design Loughborough in Inghilterra. 

 Vive e lavora a Firenze. 

Tra le rassegne internazionali a cui è stato invitato: Biennale di Pechino 2015, VI edizione, Museo Nazionale di Pechino, China.Museo D'arte Moderna di Shandong, Jinan.Museo Nazionale di Tirana "Stemperando", a cura di Anselmo Villata, Albania :Artour a Praga,a cura di Tiziana Leopizzi. Medaglia d’oro in Pittura a OFA 2012, “Olympic Fine Arts London 2012” Museo Barbican Center,a cura di Vincenzo Sanfo.Biennale di opere su carta V edizione,”Stemperando” Torino, a cura Giovanna Barbero.”IO Klimt” a cura di Francesco Gallo,Catania.

”Open14”, Venezia Lido, esposizione internazionale di sculture ed installazioni, a cura di Paolo De Grandis.” Autoritratti”,Artisti nel terzo Millenio-Mostra Cracc-Universita del Salento,a cura di Massimo Guastella .”Barocco Austero”,Museo del Barocco Noto, Siracusa. A cura di Carmelo Strano. “Artour-o il Must”,Villa della Vedetta, Firenze. A cura di Tiziana Leopizzi.Giardino della Bellezza comune di Noto e il gruppo Art Project. A cura di Marco Nereo Rotelli.

”Passepartout”,Galleria La Corte Arte
Contemporanea, a cura di Rosana Tempestini Frizzi, Firenze.”Neoconoduli/Linguaggi complessi, messaggi complessi”, Museo Bellomo della Regione Siciliana, Siracusa a cura di Carmelo Strano. “Albania & terra di Brindisi” a cura di Massimo Guastella.  Prague Biennale 4,Padiglione “Albania e Kossovo” a cura di Artan Shabani, Giancarlo Politi e Helena Kontova, Peg Alston fine art gallery, New York a cura di James Genovese,Infantellina contemporary gallery, “18x18” a cura di Charlotte Stein, Berlin. “Il Lazio tra Europa e Mediterraneo”,Complesso Vittoriano ,Roma.”Le veneri di Milot”, Museo Maschio Angioino,a cura di Francesco Poli e Eduardo Cicelyn, Napoli. “Le donne del Terzo Millennio” a cura di Massimo Guastella, Brindisi. “Vinces Agata O Della Santita”,a cura di Francesco Gallo ,Catania. Museo della Permanente “Salon I” Primo premio in Pittura curatori Laura Cherubini e Giacinto Di Pietroantonio,Milano.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy