Galleria fotografica III parte maggio 9, 2017 \\

Galleria fotografica III parte


Sezione poesia ( Studenti Scuola Superiore di II grado): a Iolanda Lo Regio il III premio per la poesia "Risveglio".

MOTIVAZIONE a cura di Giuseppe Vetromile
Lirica autoreferente ma che può essere rivolta ad ogni altra persona. L’autrice si rivolge infatti ad un immaginario tu, che in sostanza rappresenta la sua stessa identità, per incitarla a disfarsi di tutte le barriere, fisiche e psichiche, che le impediscono una vita libera e autentica. Ottima la scelta di metafore quali cuore di vetro soffiato e le pupille come pianeti costellati di sospiri, che denota una buona padronanza del dettato poetico.

II premio a Dario Maraviglia per la poesia " La palla come il tempo".

MOTIVAZIONE a cura di Giuseppe Vetromile
Componimento poetico che denota già uno stile personale e alquanto allusivo, dove le figure allegoriche rendono bene l’idea del percorso da fare, il proprio viaggio della vita; qui il tempo è paragonato ad una palla, che rotola per arrivare al suo obbiettivo, lungo un tragitto che sembra interminabile e matto, colmo di sorprese impreviste (tarantolato!...). Personalissima la scrittura in versi, leggermente spigolosa, ma molto originale.

Gaia Amodeo, per la poesia "Io vedo i tuoi mostri", riceve il primo premio dalla scrittrice Maggie Van Der Toorn.

MOTIVAZIONE a cura di Giuseppe Vetromile
 Breve lirica  che racchiude in sé il nocciolo prezioso della speranza e dell’incitamento. 
Rivolta a un tu immaginario, la poesia è in realtà una confessione intima, la presa di coscienza delle proprie possibilità di riscatto, l’affermazione della propria potenzialità di vita. Sii il fuoco che arde, dichiara l’autrice nella chiusa originalissima e interessante, non la legna che brucia!

               
Il presidente dell'Associazione "Meridies" di Nola, prof. Michele Napolitano, consegna il premio alla scrittrice Maggie Van Dr Toorn per il libro "Posti a sedere" edito da L'Erudita.

MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
Otto racconti frutto dell’elaborazione di un vissuto interiorizzato e maturato nel rapporto con gli altri. Nella dinamica dei testi è sotteso un processo di analisi che pone le radici nelle varie sfaccettature dell’esistenza, in particolare delle donne. Un libro dell’anima e della nostra cultura in cui l’Autrice, con stile immediato, affida alla forza interiore il compito di gestire le sorti del mondo. 

Premio menzione d'onore alla poesia in vernacolo "Napule" di Fausto Marseglia.

A Vncenzo Cerasuolo, premio menzione d'onore per la poesia "Giggino".


Enrico Del Gaudio riceve il premio menzione d'onore per la poesia " Napule 'e 'na vota".

Per la sezione Poesia in vernacolo, ritira il I premio, per "'nu vuluntario 'e mare", Gennaro Cuomo.

MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
Poesia comunicativa, di carattere sociale, in cui  l’appello alla solidarietà si concretizza in un episodio drammatico, con un corollario di emozioni che fa vibrare le corde dell’umana pietà. 
Attraverso un’atmosfera carica di ansia, che imprime dinamicità al verso, e con accorato accento critico di denuncia, il poeta invita a riflettere sull’incapacità dell’uomo ad agire senza deleghe. 

Sezione Nanoracconto, da un'idea dello scrittore Pietro Damiano: "Indietro nel tempo" di Antonio Trapanese, studente dell'International School of Lago Patria, selezionato per la pubbblicazione in Antologia. Ha partecipato l'intera classe. Grazie!

Angela Sorrentino ritira per il nanoracconto selezionato "Neve a Napoli".

II premio a Elena Montuono per "Mai più" .
MOTIVAZIONE
 La violenza consumata tra le mura domestiche diventa racconto. La differenza, quasi impercettibile, tra un articolo di cronaca nera e un nanoracconto, sposta
il focus sulla sensibilità dell’autrice e la “necessità” di denuncia. Che sia “Mai più”. 
               
Lo scrittore Pietro Damiano consegna il I premio a Fortuna La Mura per " 'a stagione".

MOTIVAZIONE a cura di Pietro Damiano
In poche righe, l’autrice fa vivere, al suo personaggio, la spensieratezza dell’estate, trascorsa in compagnia, accontentandosi delle piccole cose.
Subentra la malinconia dell’inverno, quando ormai, in solitudine, si è costretti a casa. 
La contrapposizione della giovinezza alla vecchiaia. L’inesorabile scorrere del tempo che segna la propria esistenza. 

Premio Speciale a cura dell'Associazione "Universo di Mimì": il presidente, prof. Ciro Castaldo, consegna a Claudia Moschetti per ""Il rifiuto".

MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
La memoria esperienziale  guida, con immediatezza e carico emozionale, la sequenza narrativa che sintetizza,in modo emblematico, un percorso esistenziale segnato dalla continuità dei ricordi. 

Ciro Castaldo canta "Donna" di Mia Martini, 

accompagnato alla chitarra da Michele D'Avino.

Sezione Esecuzione musicale: II premio a Olimpia Colucci per l'esecuzione di "Adagio" di Benedetto Marcello

MOTIVAZIONE a cura del musicista Emanuele D'Onofrio
  L’esecutrice dimostra una buona tecnica e il controllo dello strumento.
Il suono è delicato e riesce a ottenere effetti di grande espressività.
Nonostante la giovane età, c’è già la sicurezza di una professionista, come ci si augura che diventi presto.
              
I premio consegnato, dal presidente dell'Associazione, avv. Carmine Ardolino, a Vincenzo Dichiarante e Francesco Spampanato per l'esecuzione, pianoforte a quattro mani di "Rosso e nero" di Remo Vinciguerra.

MOTIVAZIONE a cura del musicista Emanuele D'Onofrio
Spiccato senso del ritmo e della coordinazione caratterizza l’esecuzione, che risulta pressoché  perfetta. Gli esecutori, attenti l’uno all’altro, nel loro suonare a quattro mani, mostrano di essere in grande sintonia.L’esecuzione del brano, pur nella sua brevità e semplicità, riesce a trasmettere un senso di ironia e di gioco che rallegra e coinvolge chi ascolta.
A Nicola Cavaliere il III premio per il monologo "Il mio gatto".
MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
Dall’accattivante descrizione di un gatto e  del suo comportamento, l’autore fa scaturire una feroce analisi critica, con conseguente denuncia, dello Stato che non  tutela gli interessi dei cittadini e mira solo a proteggere i privilegi di casta. 
Al rammarico iniziale, subentra la rabbia dell’impotenza che si annida , camaleontica, nell’ostentazione di un’amara indifferenza.

Sezione Silloge: Elena Ruvidi premiata per " Una gabbia per l'anima", III classificata.
MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
La poesia, “ lenta e inaspettata, arriva da lontano” e, nel ciclo del giorno, nel cerchio degli elementi, nell’alternanza delle stagioni, fa respirare forti emozioni. 
Poesia descrittiva di grande suggestione che , con linguaggio prezioso, coglie quel “solo un attimo” che  rende alla poetessa contezza di sé . 
Condizione esistenziale espressa sul filo di un  monologo interiore vigoroso e struggente.

    A Giuseppe Gambini il II premio per "Via Crucis"

MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
Con il linguaggio limpido della preghiera, il poeta esprime la volontà di “provare a rivivere” un percorso che si snoda lungo un itinerario noto.
 Affiorano profonde  considerazioni personali e intuizioni sugli insegnamenti di Cristo e gli accadimenti sono oggetto d’indagine. 
L’uomo viene colto nella sua cecità e i suoi dubbi attribuiti ai limiti della mente umana, ma gli è dato risalire la corrente del sapere, se l’affronta con umiltà.


Premio Vincitore Assoluto, per la XII edizione del Concorso Artistico Letterario Internazionale Napoli Cultural Classic, alla silloge "Fragmenta di Vittoria Caso. Consegna il premio la poetessa Eleonora Rimolo.
PREFAZIONE a cura di Anna Bruno
 Poesia intimistica, libera da schemi che,  indulgendo al ricordo, tra memorie rimaste intatte, risponde a una prepotente esigenza comunicativa , atta a costruire nuovi significati da attribuire alle esperienze di vita. 
Il filo conduttore è rappresentato dal percorso esistenziale della poetessa, in particolare da una figura evocata, di cui si percepisce la fisicità: “un meschino e infido ladro di sogni” che, tendendo la “fatale trappola di un lucido e razionale inganno”, ha lasciato una profonda traccia, una ferita emotiva , pronta a riaprirsi ogni volta, sull’onda del risveglio di frammenti e presenze di vita.
Nella  connotazione delle parole si coglie la presa di coscienza dell’inganno e la poetessa, tra afflati onirici e abbandoni al ricordo, appare prigioniera di un labirinto emozionale: sente avanzare  il silenzio delle certezze sconvolte  e appare come  in sospensione, in bilico tra l’attesa e l’ansia di riempire il vuoto della delusione. 
“Ogni angolo è amore” solo quando il ricordo incontra i genitori e la figlia aprendo il verso a una profonda dolcezza.
I versi, con la loro immediatezza, coinvolgono nella ricerca di una strada da percorrere, al “ ritmo del nostro divenire”  scandito dalla mutevolezza di sensazioni ed emozioni, mentre “si rinnova l’eterna parabola del sogno”.
La speranza tende a rinascere e il verso sembra lasciarsi sorprendere dalla sua effimera luce, in uno struggente balenio di emozione.
Alla speranza si accompagnano   le immagini della “mano tesa”, di un sorriso, di un abbraccio, a simbolo di una ricercata sicurezza scaturente da fiducia, amicizia e lealtà.  
La dinamicità dei versi è nell’urgenza impressa alle parole, nell’incurvarsi in punti di domanda che ripiegano su sé stessi partorendo angoscia e affanno.
Versi intensi, ricchi di profonda interiorità , inscritti nella sfera della riflessione, pervasi di  amara constatazione, e denuncia, di un’illusoria realtà.


A "Temeraria gioia" Giuliano Radolfi editore, di Eleonora Rimolo, il premio libro edito consegnato dall'avv. Federico de Luca da Melpignano, membro di Giuria.
MOTIVAZIONE a cura di Anna Bruno
Una poesia giovane dal sapore antico, carica di suggestioni , su cui gravita la preziosa accuratezza del linguaggio naturalmente criptico che, nel rimando delle immagini al pensiero concettuale, induce all’interpretazione. 
Il costrutto poetico si avvale di tre momenti di un viaggio affascinante, lungo il quale procedere  con la consapevolezza di una  sensibilità inquieta che  sublima l’angoscia esistenziale in gioia temeraria: l’accezione più alta di consenso alle ferite, in una visione infinitamente positiva della vita. 

Alla prossima! Grata dell'attenzione.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy