Michele Stanzione .... premio Napoli Cultural Classic per la fotografia... giugno 30, 2017 \\

Descrivi il tuo giorno lavorativo perfetto ….
Il mio giorno lavorativo perfetto è ogni giorno in cui posso fotografare liberamente, senza vincoli di commissione, di orario, di tempi; un giorno in cui posso seguire il mio istinto e tornare a casa felice di ciò che ho realizzato.
L'immagine può contenere: una o più persone
Cosa ti ha spinto verso la fotografia.
Sono sempre stato circondato dall’arte, ho collaborato con diverse gallerie che curavano mostre di artisti, pittori e scultori. Affascinato da come loro riuscivano a far emergere la propria  personalità attraverso le opere, ho provato a farlo anche io attraverso la fotografia.

Se potessi svegliarti domani con una nuova dote, quale sceglieresti?
Saper volare….Scherzo…Probabilmente la stessa. La passione per la fotografia è davvero immensa.
L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso
Se potessi scegliere tra qualsiasi persona al mondo, chi inviteresti a cena? 
Helmut Newton sarebbe sicuramente una delle persone con cui farei volentieri quattro chiacchiere.

A chi sei più grato per la tua passione artistica?
A mia moglie Alessandra. Da sempre mi spinge a fare meglio, sostenendomi sopratutto nei momenti bui, che capitano a tutti.

Come concili il lavoro di fotoreporter che fai in modo attento e preciso con il mondo dell’arte? 
Per me non esiste una fotografia artistica, ma esiste solo una fotografia riuscita o meno. Ogni fotografia ha il suo valore. Più che fotografare mi piace osservare ciò che mi circonda e capire come trasferire quelle stesse emozioni che io sto provando in quel momento, in uno scatto, per me la vera arte è quella.
L'immagine può contenere: una o più persone, notte e spazio al chiuso
L’opera a cui sei più affezionato …
Non c’è in particolare una foto a cui sono più affezionato, ma ci sono diversi progetti a cui sono più legato, tra i tanti sicuramente la mia prima pubblicazione su scala nazionale “Nere & Bianchi”, una ricerca fotografica volta alla documentazione e confronto di due delle tradizioni religiose pasquali più antiche del sud Italia.

C’è qualcosa che hai sognato di fare e non hai fatto? 
Ho sognato di fare il giro del mondo, devo solo completarlo…

Qual è la più grande soddisfazione lavorativa della tua vita? 
Essere riuscito a fare mostre internazionali. Sicuramente quella che mi ha più impressionato è la mia personale di Quingdao in Cina, dove sono state esposte circa 400 fotografie che ho realizzato in un giro durato tre mesi e che ha toccato quindici capitali europee per documentarne la scultura.

Cosa conta di più nell'amicizia? 
La lealtà e la sincerità.

Qual è la cosa che rimpiangi di non aver detto a qualcuno?
Ci ho pensato a lungo, non riesco a rispondere a questa domanda perché non credo di avere rimpianti, sono un tipo molto schietto e sincero.

Quanto conta per te la famiglia?
Tutto, soprattutto adesso che la stiamo allargando… :)

Qual è il tuo ricordo più caro? 
Il mio ricordo più caro è sicuramente il mio viaggio in Islanda, fatto insieme a mia moglie. Dieci giorni immersi tra vulcani, ghiacciai, geyser e cascate tuonanti. Ho davvero avvertito il silenzio e le urla della natura.

Che cosa è troppo serio per scherzarci su?
La guerra e la sofferenza, purtroppo nel mondo ce n’è tanta!

Come nascono i tuoi progetti, sulla base della progettualità richiesta o sulla base della creatività? 
Su tutti i progetti c’è bisogno di creatività, non credo che si possa soddisfare alcuna richiesta senza la possibilità di metterci il proprio estro.

Il tuo lavoro ha vinto il Premio Internazionale Napoli Cultural Classic 2017 come miglior fotografia rientrando nelle Eccellenze …. raccontaci questa esperienza …
Nemo profeta in patria; finora credevo fosse vero. Invece dopo  l'esperienza di aver ricevuto il premio Napoli Cultural Classic, mi sono ricreduto. Sono diversi anni che ricevo riconoscimenti internazionali, ma aver avuto un premio a “casa mia” mi riempie di orgoglio. Essere stato sul palco delle Basiliche Paleocristiane di Cimitile è stato un piacere oltre che un grande onore. Inoltre il galà a Villa Ardolino ti catapulta in una dimensione straordinaria, dove puoi dialogare e confrontarti con innumerevoli personaggi di spicco dello spettacolo, della cultura e dell’arte italiana ed internazionale.
L'immagine può contenere: una o più persone, cielo, folla e spazio all'aperto
Hai esposto le tue foto in molte città Europee e in Asia.. Dove hai trovato la maggior predisposizione per l’arte e il suo sostegno?
Sicuramente in Cina, dove hanno creduto in me dopo aver visionato solo pochi scatti e mi hanno affidato progetti che in Italia sarebbe stato impossibile realizzare. In Italia siamo circondati dall'arte, tanto da esserne assuefatti e da non apprezzarne più la bellezza, mentre in Cina viene dato tanto risalto all'arte soprattutto italiana, tanto da proporla già nelle scuole di grado inferiore. Penso spesso che in Italia dovremmo tornare a riscoprire in tutta la loro maestosità le nostre bellezze, prendi per esempio il duomo di Firenze, magnifico, ma il fiorentino neanche ci fa più caso perché è abituato ad averlo lì…. proviamo a coprirlo qualche mese e poi a riscoprirlo, sono sicuro che desterà nuovamente l’ammirazione di chi oggi lo da per scontato.
L'immagine può contenere: scarpe
I tuoi prossimi impegni?
La mia agenda nell'immediato futuro prevede una serie di progetti fotografici molto diversi dal mio solito, sarà una sorpresa prima per me e poi per lo spettatore.

 Il tuo prossimo viaggio creativo?
Il mio prossimo “viaggio creativo” sarà restare a casa per godermi la nascita della mia piccola Alyssa.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy