DOPO “LA CIOCIARA”, MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA febbraio 22, 2018 \\

AL CARLO FELICE DI GENOVA  IL COMPOSITORE OSA SPERIMENTARE: "IL CONFRONTO PUO’ ESSERE PERICOLOSO MA I MITI POPOLARI ATTENUANO LA DIFFIDENZA VERSO L’OPERA.
Risultati immagini per DOPO “LA CIOCIARA”, MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA

Giuseppina Manin per il Corriere della Sera
 Risultati immagini per DOPO “LA CIOCIARA”, MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA

Gli spaghetti arriveranno in scena davvero. Su enormi vassoi, fumanti e sugosi come da copione.
 
Perché Miseria e nobiltà , la nuova opera di Marco Tutino da venerdì al Carlo Felice di Genova, non poteva prescindere da una delle scene più iconiche del grande schermo, la grande abbuffata di Totò, amici e parenti famelici, estasiati davanti al miracolo di un' improvvisa abbondanza.
 
Ma se il film anni '50 di Mario Mattoli, nel cast anche Sophia Loren, era fedele alle atmosfere fine '800 della farsa di Scarpetta, il libretto di Luca Rossi e Fabio Ceresa per Tutino sposta l' azione al 1946, con il Paese intero, per la prima volta anche le donne al voto per monarchia o repubblica.
 
I tempi cambiano, la fame resta. «La lotta quotidiana di quei giorni è presente nella memoria di tutti, se non altro per racconti sentiti in casa» avverte Tutino, compositore che al cinema ha attinto anche il suo titolo precedente, La Ciociara . «Lo so, il confronto può essere pericoloso - ammette Tutino - ma il vantaggio che se ne ricava è grande: miti così interiorizzati attenuano la diffidenza che spesso tiene lontano il pubblico dalle nuove opere o dall' opera in generale. Perché di certo tutti conoscono la trama della Ciociara meglio di quella del Trovatore».
 

Stesso ragionamento che doveva aver fatto anche Verdi, abilissimo nel cogliere al volo i testi teatrali più popolari all' epoca, vedi l' Ernani di Victor Hugo con polemiche romantiche annesse, o La dama delle camelie di Dumas, scandalosa materia prima di Traviata. Ma tornando a Miseria e nobiltà , a far scandalo stavolta è la fame. Soggetto poco frequentato dalla lirica, dove al più, vedi Bohème, si parla di poetica povertà. «Qui invece di scena è la miseria, vera, brutale, per nulla idilliaca - precisa Rosetta Cucchi, regista dell' allestimento -. Quella che nel dopoguerra attanagliava Napoli, città ferita, violentata, che si dibatte per campare. E sotto la vitalità cela una profonda malinconia».
 Risultati immagini per MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA

Così Felice Sciosciammocca fa sì lo scrivano, ma solo perché ha perso il posto di maestro elementare, reo di aver rifiutato di prendere la tessera del fascio. «Lo sfondo è una piazza diroccata - prosegue Cucchi -. Dove una donna partorisce da sola un figlio, anche lei in lotta come tutti per sopravvivere. Perciò la proposta del marchesino Eugenio, un pranzo pantagruelico per travestirsi da nobili da spacciare al padre della bella Gemma, è accolta con entusiasmo. Il cibo è il bene primario, e come accade anche oggi, c' è chi ne ha troppo e chi niente. Da qui la folle gioia scatenata dall' arrivo di un' abbondanza mai vista».
 Risultati immagini per MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA
I vesuvi di maccheroni alla pummarola sono per quegli stomaci rattrappiti come i monti di polenta per Arlecchino: da divorare a mani nude, da infilarsi in tasca, perché domani chissà. «Quanto all' altra scena clou, quella della lettera dettata dal contadino a Sciosciammocca, invece di un nipote il destinatario stavolta è il re, a cui il poveraccio promette il voto in cambio di qualche soldo». La sostanza non cambia. Comunicati da una radio gracchiante, gli esiti del referendum metteranno allo stesso tavolo le parti avverse. «Decise a trovare un accordo di sapore andreottiano: facciamo la democrazia, purché sia cristiana».
Cenni a un presente che l' opera può più eludere. «Il nostro sguardo - conclude Tutino - è ormai segnato dalla varietà di generi degli ultimi cento anni: dall' operetta al musical, da Totò a Crozza.
E il cinema, naturalmente».
 Risultati immagini per MARCO TUTINO METTE IN SCENA “MISERIA E NOBILTA’” IN VERSIONE LIRICA
A cui non a caso tanti compositori strizzano l' occhio. Vedi Giorgio Battistelli, che ha tradotto in partitura titoli quali Miracolo a Milano e Divorzio all' italiana . Vedi André Previn che da un altro film icona, Un tram che si chiama Desiderio , ha tratto un' opera fortunata. E mentre Howard Shore ha musicato l' horror di Cronenberg, La mosca , Jake Heggie ha applicato le regole del melodramma a Dead Man Walking di Tim Robbins...
Non più rivali ma alleati, opera e cinema cercano nuovi pubblici conniventi.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy