LUCA BUONGIORNO..donare con il teatro un’emozione, che sia un sorriso o una lacrima è probabilmente il miglior modo per poterlo fare novembre 18, 2018 \\

Descrivi il tuo giorno lavorativo perfetto ….
Non è così semplice per me poterlo fare, in quanto me ne viene in mente anche più di uno. Ad esempio mi piacerebbe svegliarmi presto la mattina, fare una ricca colazione e poi raggiungere il luogo del set. Una volta lì, dedicarmi al trucco, il parrucco, i costumi, in modo tale da poter entrare a poco a poco in intimità ed empatia con il personaggio che andrò ad interpretare e infine… Ciak. Azione!
Al contrario, potrebbe anche essere uno di quei giorni in cui non mi sveglio finché non sono saturo di sonno. Svolgo tutti quanti i miei esercizi di training, per potermi riscaldare prima di raggiungere il teatro dove sarei in scena. Dopo esser entrato nei panni del personaggio che andrò ad interpretare, mi piace stare steso sulle tegole del palco, quando il sipario è ancora chiuso, in modo tale da poter prendere totalmente confidenza con quel luogo che da lì a poco riconoscerò come un posto a me familiare.
Insomma essere a teatro, o su un set, per me rappresentano già in sé un giorno lavorativo perfetto!
L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, barba e spazio all'aperto
Cosa ti ha portato verso la recitazione?
Sin da piccolo mi è sempre piaciuto prendermi cura del prossimo. Con il tempo ho scoperto che donare un’emozione, che sia un sorriso, una lacrima, una sorpresa, è probabilmente il miglior modo per poterlo fare. La gente è troppo impegnata a prendersi sul serio al giorno d’oggi, ad affrontare la vita tutta d’un fiato, per godere veramente a pieno del mondo che la circonda. Io mi occupo semplicemente di ricordare loro di respirare.

Se potessi svegliarti domani con una nuova dote, quale sceglieresti?
Tutto ciò che concerne l’arte, per me, va più che bene! Mi piacerebbe saper cantare, saper ballare, saper suonare uno, due, cento strumenti! Ma probabilmente, se dovessi sceglierne una soltanto, mi piacerebbe saper disegnare. Soltanto un essere umano sa realmente vedere un essere umano.
L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi
 A chi sei più grato per la tua passione artistica? 
A mia sorella, che ha sempre creduto in me, sostenendomi in ogni scelta e decisione con grande entusiasmo.

Cambieresti qualcosa nel mondo del teatro e del cinema in cui ti sei formato?
Non rinnego assolutamente il mio percorso formativo, perché mi ha reso ciò che sono oggi e per fortuna mi ritengo soddisfatto di quello che sono. La mia formazione non deriva soltanto dalle scuole e dai laboratori di recitazione che ho frequentato, ma anche dalla mole particolarmente elevata di film e di spettacoli ai quali ho preso parte in qualità di spettatore. Talvolta s’impara più guardando, che facendo. Il nostro è un mestiere in cui si ruba tanto. Ma potendo cambiare qualcosa, mi piacerebbe che ci fosse un range più esteso di ruoli da interpretare in Italia, piuttosto che cimentarsi per la gran parte delle volte in personaggi che, si sa, possono dare una maggiore certezza al botteghino. Bisogna saper rischiare.

Cosa spinge un giovane attore verso la scrittura?
Ecco, questa risposta è direttamente correlata a quella della domanda precedente. L’esigenza di dar vita a personaggi che, tendenzialmente, non vengono partoriti ne sulla pellicola del grande schermo e ne tanto meno sulle tegole del palcoscenico.

Tre domande in una …. Il tuo romanzo preferito ….. il tuo film preferito … la tua canzone preferita 
Il romanzo: “L’aiuto” di KathrynStockett
Il film: “Monster” di Patty Jenkins
Riguardo la canzone è più difficile in quanto è relativa, sempre, al periodo in cui vivo. Per cui, in questo caso, è: “Mystery of Love” di Sufjan Stevens

Il rapporto con la tua città Natale…..
“Odi et amo” direbbe Catullo. In quanto si è sempre rivelata una grande fonte di ispirazione, il posto in cui rifugiarsi quando sento il bisogno di casa, ma al tempo stesso, troppe incomprensioni non ci permettono di andare a lungo d’accordo. Quindi sento poi l’esigenza di staccarmene repentinamente. Possiamo definirlo un amore a distanza!

Che cosa è troppo serio per scherzarci su?
Il rispetto
Risultati immagini per luca buongiorno attore
In generale cosa pensi del mondo della Rete  intesa come social o  webseries?  Secondo te La Rete sarà la strada del futuro per l’arte?
Assolutamente non sono contro la tecnologia, al contrario, ogni passo avanti per quest’ultima, diventa un intero percorso di crescita per l’umanità. L’importante, però, è non restarne vittima. Viviamo in un mondo fin troppo bello, per rimanere intrappolati da uno schermo che misura 5,8”. Ragion per cui, se effettivamente la rete saprà facilitare ulteriormente le cose, perché no? L’importante è saper dosare il tutto, adoperandola con cautela e ricordandoci che l’arte ha ragione di esistere affinché possa toccare il cuore e non per omologarci tutti in esseri schiavi dei computer.
Risultati immagini per luca buongiorno  il mostro
C’è posto per giovani artisti talentuosi con idee innovative in Italia?
Assolutamente sì! C’è sempre posto per il talento, ma soprattutto per chi ha voglia di sfruttarlo attraverso l’innovazione e l’originalità!
Risultati immagini per luca buongiorno attore
I tuoi prossimi impegni?
Attualmente sono particolarmente impegnato con la divulgazione nei teatri italiani, attraverso bandi e concorsi nazionali, de “Il Mostro”, spettacolo di prosa in un unico atto, vincitore del “Premio InDivenire 2018” come miglior spettacolo per la giuria popolare, di cui sono autore ed il protagonista, affiancato da due magistrali interpreti quali: Laura Schettino e Yuri Napoli, che mi danno la possibilità di crescere ogni qual volta ho l’occasione di poter collaborare con loro, in quanto posseggono entrambi un bagaglio inestimabile di sapere e conoscenza rispetto a questo mestiere, che mi trasmettono indirettamente; e diretto da Martin Loberto, anche lui un grande attore, rivelatosi nel tempo un brillante regista, al quale ho affidato quest’opera prima, che lui ha saputo trattare meglio di quanto avessi potuto fare io stesso. Mi ritengo davvero fortunato per avere la possibilità di percorrere questa avventura con i miei colleghi, che senza rendersene conto mi danno la voglia e la forza di spingere questo spettacolo appena nato.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy