la notizia attraverso le immagini.. . Fonte del porto al Teatro Bellini di Napoli ... ultime repliche novembre 23, 2018 \\

Commenta la notizia..... articoli di attualità consigliato ad un pubblico maturo ed attento ai cambiamenti per il contenuto forte delle immagini

Risultati immagini per fronte del porto con Daniele Marino nel personaggio di scialatiello
Fino al 25 novembre. Il Teatro Bellini ha presentato la  produzione “Fronte del Porto”, riproposizione dello storico film interpretato da Marlon Brando,  tradotto e adattato alla scena da Enrico Ianniello. Lo, spettacolo, diretto da Alessandro Gassmann, ambienta nel porto di Napoli degli anni ’80 le tristi vicende di manovali costretti al silenzio e al lavoro in nero, costituendo un’interessante analisi di vite umane alla ricerca della libertà, della lotta alla criminalità e della dignità insita nella ricerca di un lavoro come diritto individuale.
Risultati immagini per fronte del porto teatro bellini
La regia di Alessandro Gassmann e la produzione del Bellini di Napoli, nelle persone di Gabriele e Daniele Russodanno vita a  “Fronte del Porto”, di Budd Schulberg con Stan Silverman, è tradotto e adattato per l’occasione dall’attore napoletano Enrico Ianniello, che riesce a regalare una drammaturgia di respiro partenopeo sapientemente strutturata e ben bilanciata sulla presenza di ben dodici interpreti sulla scena.
Risultati immagini per fronte del porto teatro bellini
Interessante l'idea di ambientare questo spettacolo nel porto di Napoli durante gli anni ’80, periodo nel quale la maggior parte dei porti era controllata dalla malavita organizzata, sfruttando i manovali senza contratto e senza stipendio fisso, con un patto di sangue giocato interamente sul tacito assenso riguardo alle attività illecite che queste organizzazioni criminali svolgevano nella zona. “Fronte del Porto” è uno spettacolo  che colpisce per la crudeltà del trattamento riservato ai lavoratori, costretti all’omertà che fa male alle coscienze umane.  È in quella chiesa del Carmine, sita proprio in via Marina e di fronte al porto di Napoli, con il suo campanile che per chi arriva dal mare a stento si riconosce tra container e gru che quasi la nascondono, che nasce il coraggio del cambiamento. Un cambiamento che costerà sangue, ma necessario per salvare altre vite umane.
Risultati immagini per fronte del porto con Daniele Marino
“Fronte del Porto” può anche fregiarsi di un buon cast di spessore capitanato da un Daniele Russo (Francesco Gargiulo in scena) molto maturo; la compagnia annovera tra le proprie fila alcuni interpreti giovani ma talentuosi che per il futuro fanno sperare in un buon teatro di qualità e carismatici come Antimo Casertano, Francesca De Nicolais, Vincenzo Esposito, Daniele Marino, Biagio Musella, Edoardo Sorgente e Pierluigi Tortora.
Lo spettacolo sarà in scena al Bellini fino al 25 novembre.
Alexander Skarsgård Teaches Swedish Slang!
 IL CANDIDATO ALLA SEGRETERIA DEL PD DARIO CORALLO PRENDE A BADILATE IL SUO PARTITO: “È MORTO, SIAMO UN PARTITO MASCHILISTA E GUIDATO DA ARROGANTI STRAFOTTENTI” – “GLI ALTRI CANDIDATI SONO TUTTI LA STESSA ROBA. MINNITI È UN CONSERVATORE, RENZI HA GIÀ PRONTO IL SUO PARTITO. SE DIVENTASSI SEGRETARIO NAZIONALIZZEREI TUTTI I SERVIZI ESSENZIALI”
David Guetta, Bebe Rexha & J Balvin - Say My Name 
Pechino-Express 2018 - Patrizia Rossetti e Maria Teresa Ruta
a Pechino Express vincono le Signore della TV.... ascolti bassi....
Backstreet Boys Perform 'Don't Go Breaking My Heart' on Ellen
Nico Tortorella festeggio il ringraziamento... a nudo
sono loro....... Meteore.....
Ella Mai .... unica...
Ivan Cattaneo e Silvia Toffanin
Ivan Cattaneo a Verissimo: «A causa della mia omosessualità sono finito in un ospedale psichiatrico. Dopo il GF Vip, lasciato per una donna»
Risultati immagini per Matricola 0541, Non esistono più le mezze stagioni e Album Tre appuntamenti in scena per la rassegna Monday Dance 2018 -
Lunedì 26 novembre 2018, Teatro Nuovo di Napoli. Matricola 0541, Non esistono più le mezze stagioni e Album. Tre appuntamenti in scena per la rassegna Monday Dance 2018 - I lunedì della Danza, con alcune fra le più interessanti espressioni coreutiche della Campania
Risultati immagini per Matricola 0541, Non esistono più le mezze stagioni e Album Tre appuntamenti in scena per la rassegna Monday Dance 2018 -
Proseguono gli appuntamenti della rassegna Monday Dance - I lunedì della Danza al Teatro Nuovo di Napoli, che ospiterà lunedì 26 novembre 2018, a partire dalle ore 21.00, tre appuntamenti in successione, Matricola 0541, coreografia di Luigi Aruta, Non esistono più le mezze stagioni, con la coreografia di Angelo Egarese, e Album, coreografia di Sara Lupoli.
La rassegna Monday Dance, che s’inserisce in un'ampia programmazione del Teatro Pubblico Campano dedicata alla danza, è divenuta, ormai, un appuntamento fisso nella stagione del palcoscenico partenopeo, in particolar modo per il giorno cui è destinata la programmazione.
Risultati immagini per Matricola 0541, Non esistono più le mezze stagioni e Album Tre appuntamenti in scena per la rassegna Monday Dance 2018 -
Giunta alla terza edizione, la naturale evoluzione della rassegna è rappresentata dall’impegno costante di una programmazione che sia sempre più in sintonia con il pubblico, rendendolo partecipe anche oltre le performance, con incontri, discussioni e interazioni post spettacolo con gli artisti ospiti.
Monday Dance nasce dalla funzione di antenna della danza contemporanea campana, che il Teatro Pubblico Campano svolge all'interno della Rete Anticorpi XL, prima rete italiana dedicata alla Giovane Danza d’Autore, e che, da dieci anni, rappresenta una delle più significative “buone pratiche” della scena in Italia. 
Ad aprire la serata sarà Matricola 0541, presentato da Borderline Danza, un esercizio in evoluzione, che nasce dalla volontà di ricercare il vocabolario motorio umano, durante lo studio e nel tempo che separa uno studente da un esame. La frenesia, l'agitazione, il dondolio, il prurito, la sudorazione sono strategie comiche adottate per la sopravvivenza. 
A seguire sarà in scena Non esistono più le mezze stagioni, presentato da Kinesis Danza, Florence Dance Festival e Archetipo, una storia che, a modo suo, racconta la vita senza vie di mezzo, in cui gli alti e bassi sono alla base della linea guida coreografica e drammaturgica. Uno spettacolo esilarante, ma che, allo stesso tempo, fa riflettere sulla vita reale, in cui chiunque, in situazioni estreme, si affida al proprio istinto, alla naturale forza di sopravvivenza, e i propri sentimenti. 
Risultati immagini per Matricola 0541, Non esistono più le mezze stagioni e Album Tre appuntamenti in scena per la rassegna Monday Dance 2018 -
A chiudere la serata lo spettacolo Album, presentato da Körper in coproduzione con PianoBe Artistic Research e Le Nuvole, un’investigazione corporea sul tema del doppio, condotta nei territori dell’intimità. Non c’è una vera e propria storia, ma la narrazione emerge dal susseguirsi d'immagini che descrivono le innumerevoli rappresentazioni di noi stessi. Un percorso visionario che si delinea a due, e trasforma fatti minimi della quotidianità in spunti di riflessione sui possibili modi in cui interagiamo con il nostro corpo. 
Tyra Banks ft. New Fear's Eve - 'Be A Star 2'

 LE OFFESE ALLA RAGAZZA RAPITA IN KENYA SONO GRAVI E BRUTTE. DETTO QUESTO AGGIUNGO: VA FATTO DI TUTTO PER RIPORTARLA A CASA, ECCETTO CHE PAGARE RISCATTI, PERCHÉ CON QUEI SOLDI LE BESTIE CHE L'HANNO RAPITA DI PERSONE NE RAPIRANNO E UCCIDERANNO ALTRE. QUESTI COOPERANTI CHE VANNO IN QUESTI POSTI SI PRENDONO DEI RISCHI PERSONALI, QUESTI RISCHI NON POSSONO POI RICADERE SUI CONTI PUBBLICI
Prendimi
“It takes planning, caution to avoid being it”: diceva così l’articolo del Times che ispira il regista Jeff Tomsic nella realizzazione della storia (vera) più assurda di sempre. Prendimi -tag, la storia vera più assurda di sempre- è una commedia americana uscita nelle sale nel giugno del 2018 e in Italia, nel luglio dello stesso anno. Cinque amici ormai adulti, ogni anno si prendono un mese per tornare bambini e celebrare la loro tradizione: giocare a prendimi, divertimento che va avanti dai tempi delle elementari.
Risultati immagini per Anastasio é la fine del mondo
 A ‘X FACTOR’ L’INEDITO DEL RAPPER FA IMPAZZIRE GIUDICI E SOCIAL – IL CONCORRENTE DEL TALENT DI SKY SI E’ FATTO CONOSCERE CON UN PEZZO DEDICATO A SARRI CHE GLI FECE UN REGALO SPECIALE: UNA SIGARETTA AUTOGRAFATA - DI COSA PARLA LA CANZONE? DI CREARSI DA SOLI IL BELLO PARTENDO DAL BASSO, “NIENTE GIACCA E CRAVATTA...STO CON LA BARBA SFATTA COME MAURIZIO SARRI…”
L'ETNA PREOCCUPA GLI SCIENZIATI PIU' DEL SOLITO: I SISMOGRAFI HANNO REGISTRATO 40 SCOSSE DI TERREMOTO DOVUTE ALL’ATTIVITÀ DEL VULCANO – DA MESI È IN ATTO UNA FASE DI RICARICA MAGMATICA, CHE PROVOCA UN RIGONFIAMENTO DEL CONO VULCANICO: ECCO COSA POTREBBE SUCCEDERE
Renza Castelli - Quinto Live X Factor 2018
Da X Factor fuori Renza Castelli ... Fedez in silenzio ......
Risultati immagini per eros ramazzotti nudo
"PIÙ BELLA COSA? NON ERA DEDICATA A MICHELLE HUNZIKER" – NON SONO UN INTELLETTUALE, FACCIO CANZONI CHE ARRIVANO AL CUORE DELLA GENTE: QUESTA DA 35 ANNI È LA MIA VITTORIA” – IO E JOVANOTTI ABBIAMO MESSO LA PAROLA 'VITA' NEL TITOLO DEL NUOVO SINGOLO? QUANDO E’ USCITO IL SUO, L’HO CHIAMATO E GLI HO DETTO: “PORCA TRO*A…” – E POI SANREMO
la copertina....
Warwick Rowers, decimo anno di calendari hot per i canottieri inglesi ... la scusa è sempre il volontariato ........
Roberto Saviano crolla negli ascolti .........
Maria ha un cane e una vita dannata. Ripescata in mare come un rifiuto, è cresciuta marcata da un abuso sessuale che le ha scalfito il volto e privato il ventre della capacità di generare. Figlia di una madre alienata e braccio destro di una pappona tossicomane, Maria traghetta povere anime sul Volturno, prostitute nigeriane che affittano l'utero per sopravvivere e ingrassare la loro miserabile padrona. Un giorno la fuga di Fatima, che vuole tenere per sé il suo bambino, e la scoperta di una gravidanza inattesa, scuotono Maria dal profondo. Incinta e in fuga, dopo aver ritrovato e liberato Fatima, Maria prende coscienza di un bivio e sceglie il mare, la vita.
Maria ha un cane e una vita dannata. Ripescata in mare come un rifiuto, è cresciuta marcata da un abuso sessuale che le ha scalfito il volto e privato il ventre della capacità di generare. Figlia di una madre alienata e braccio destro di una pappona tossicomane, Maria traghetta povere anime sul Volturno, prostitute nigeriane che affittano l'utero per sopravvivere e ingrassare la loro miserabile padrona. Un giorno la fuga di Fatima, che vuole tenere per sé il suo bambino, e la scoperta di una gravidanza inattesa, scuotono Maria dal profondo. Incinta e in fuga, dopo aver ritrovato e liberato Fatima, Maria prende coscienza di un bivio e sceglie il mare, la vita.
Narcos Messico
Dalla Colombia al Messico, dal cartello della droga di Calì a quello di Guadalajara, dal coraggio dell’agente della Dea Javier Peña a quello del collega Kiki Camarena. E’ un Narcos completamente nuovo quello che promette di tenere col fiato sospeso gli spettatori globali di Netflix. Da oggi è disponibile sulla piattaforma streaming la quarta stagione della serie (10 episodi in tutto) ispirata alle vicende dei grandi narcotrafficanti latino-americani.
Lucia è una geometra specializzata in rilevamenti catastali, nota per la pignoleria con cui insiste nel "fare le cose per bene". La sua vita, però, è tutto fuorché precisa: a 18 anni ha avuto una figlia, Rosa, da un amore passeggero; ha appena chiuso una relazione pluriennale con Arturo; il suo lavoro precario non basta ad arrivare a fine mese. Approfittando della sua vulnerabilità economica, Paolo, il sindaco del paese, le affida il compito di effettuare un rilevamento su un terreno dove un imprenditore vuole costruire un impero immobiliare.
 © ANSA
Spice Girls progettano tour ma senza Posh. Secondo The Sun avrebbero registrato un messaggio di annuncio
Guido Reni, Putto, 1629, affresco staccato, cm 86x92x12, Roma, Gallerie Nazionali Barberini Corsini (ANSA)
MOSTRE Arte .A Roma il racconto della fortuna di uno dei suoi capolavori. Guido Reni tra i Barberini e i Corsini

Risultati immagini per carlo verdone nudo
ECCO COME LA MAMMA (CON UN CALCIONE NEL SEDERE) SPEDI’ SUL PALCO CARLO VERDONE – UN LIBRO CON 100 FOTOGRAFIE CELEBRA I 40 ANNI D'ARTISTA: "PAPA’ VOLEVA IL POSTO FISSO. ANCORA OGGI NON SO PERCHÉ L'HO FATTO: UN GRANDE AZZARDO; E IO UN PO' MEGALOMANE - IL MAGGIORE ESPONENTE DELLA COMMEDIA ALL' ITALIANA? CARLO GOLDONI. – I DUBBI SUL PROSSIMO FILM (“HO SCRITTO 5 SOGGETTI”) E QUELLA MODERNITA' DI DANTE...
Renzo Arbore su Rai due per spiegare la canzone umoristica napoletana ...... 
Matteo Martari Classe 1983, nel 2017 l'attore ha interpretato Marco Margine nel film "Il mio Godard" di Michel Hazanavicius, una pellicola biografica incentrata sul rapporto sentimentale e lavorativo tra il regista Jean-Luc Godard e l'attrice Anne Wiazemsky. Ed è proprio in quell'occasione che Martari si è mostrato senza veli davanti alla macchina da presa.
La copertina di Anche le parole sono nomadi © ANSA
A CURA DELLA FONDAZIONE FABRIZIO DE ANDRE' ONLUS, 'ANCHE LE PAROLE SONO NOMADI-I VINTI E I FUTURI VINCITORI CANTATI DA FABRIZIO DE ANDRE'' (CHIARELETTERE, PP 180, EURO 18,00). Le parole di Fabrizio De André, nei brani delle canzoni, negli appunti prima dei concerti o nelle registrazioni sbobinate per trovare i suoi aneddoti e pensieri. Il suo sguardo sul mondo sempre rivolto agli ultimi, agli emarginati, alla libertà, all'anarchia, lontano dalla ricerca del potere. Ce lo restituisce il nuovo percorso di rilettura di oltre 40 testi di canzoni, accompagnate dalle sue riflessioni e interventi, alcuni inediti, proposta nel libro 'Anche le parole sono nomadi - I vinti e futuri vincitori cantati da Fabrizio De André, che arriva in libreria per Chiarelettere, con l'introduzione di Dori Ghezzi e la postfazione di Erri De Luca.
Risultati immagini per roth scrittore
LO SCRITTORE AMERICANO RACCONTA COME NACQUE IL SUO PRIMO CAPOLAVORO, “IL LAMENTO DI PORTNOY” – “COMINCIAI A SCRIVERE UN ROMANZO AUTOBIOGRAFICO BASATO SULLA MIA INFANZIA NEL NEW JERSEY. MA PIU’ MI ATTENEVO AI FATTI E A CIÒ CHE ERA RIGOROSAMENTE VERIFICABILE, PIÙ LA NARRAZIONE PERDEVA DI RISONANZA. OSCILLAVO FRA FANTASTICHERIA IPERBOLICA E DOCUMENTAZIONE REALISTICA…
7. I viaggi da fare nel 2019: Gujarat, India
Gujarat, India .... le mete da non perdersi....

Mafalda © ANSA

Cento strisce di Mafalda, ricavate dagli originali di Quino, in principio inaccessibili, saranno esposte per la prima volta in Italia. La mostra, 'Mafalda la contestataria da 50 anni in Italia', è curata da Ivan Giovannucci e si inaugura il 27 ottobre al Museo Diotti di Casalmaggiore, in provincia di Cremona. Realizzate tra il 1964 e il 1973, le strisce rendono omaggio alla bambina ribelle e al suo sogno di un mondo migliore.
Le strisce, in facsimile di alta qualità ricavati dalla versione originale in spagnolo, saranno accompagnate da un cartello con la traduzione in italiano. A corredo della mostra: la riproduzione della celebre panchina di Buenos Aires con la statua di Mafalda, la famosa Citroen "due cavalli" del papà di Mafalda, uno spazio tv con la proiezione dei cartoni animati, un atelier con laboratori per bambini dai 7 ai 10 anni. In mostra è la personalità di una bambina speciale, con i suoi capelli corvini e la passione per i Beatles, che non ha alcuna intenzione di cedere alla stupidità, che dice la sua, le sue per essere più precisi, che non riesce a chiudere gli occhi davanti ai piccoli e grandi problemi del mondo, ma soprattutto che non riesce a chiudere la bocca.
Don’t Let Me Be Misunderstood firmata Lady Gaga.Semplicemente MERAVIGLIOSA.
RuPaul nei Simpson, lo spot della puntata con HOMER drag queen
Celebrities Sing 'We’re Going to Hell' to Help End AIDS
I Queen e il loro frontman Freddie Mercury: la loro unicità di stile, la scalata sulle vette della musica mondiale fino all'iconico concerto Live Aid 1985, una delle più grandi performance della storia.
Ezra Miller ‘coniglietta’ per Playboy, foto e video
bravo.... Elton .....
Risultati immagini per raffaella carrà ogni volta che è natale
Ogni volta che è Natale di Raffaella Carrà arriva in tutti i negozi e in digitale il 30 novembre.
 Risultati immagini per l'animale che mi porto dentro di francesco piccolo
"LA VERITÀ" CONTRO L’ULTIMO LIBRO DEL PREMIO STREGA. È UN CONCENTRATO DI STEREOTIPI SUGLI UOMINI: IL MASCHIO RAGIONA CON IL PENE, È VIOLENTO E SEMBRA UN NARCISISTA SEMPRE INTENTO A IMPORSI SU DONNE LIBERE, PIÙ SERIE, MIGLIORI – UNO SFAVILLANTE ESEMPIO DI COLLABORAZIONISMO CON IL METOO CELEBRATO, SUPER RECENSITO E QUINDI DESTINATO AL SUCCESSO
Risultati immagini per melissa e boatengo nudi
MELISSA: “HO GIOCATO NELLA SERIE C FEMMINILE E PENSO DI POTER PARLARE DI CALCIO ANCHE MEGLIO DI ALCUNI UOMINI” – GLI ANNI DA VELINA, IL RAZZISMO E L’AMORE PER LA CUCINA, LA SATTA SI RACCONTA IN UN LIBRO: "SONO UNA DONNA INDIPENDENTE. MI PIACE STARE IN CASA E…”
IL CANTANTE DEI RADIOHEAD PRENDE A RANDELLATE I SOCIAL NETWORK: “SONO IL NUOVO FASCISMO. LA GENTE NON SI SENTE PIÙ RESPONSABILE PER IL PROPRIO COMPORTAMENTO” – L'AUTORE DELLA COLONNA SONORA DI "SUSPIRIA": “LA TUA OPINIONE CON LA BAVA ALLA BOCCA SU FACEBOOK NON SIGNIFICA CHE STAI PARTECIPANDO A UN DIBATTITO. SONO GRAFFITI NELLA TOILETTE”
Risultati immagini per Zlatan calciatore nudo
ZLATAN' RACCONTA IL SUO INCUBO: FABIO CAPELLO - "URLAVA IL MIO NOME E IO TIRAVO, TIRAVO… AI TEMPI DELLA JUVE PRENDEVA I RAGAZZI DELLE GIOVANILI E LI FACEVA ALLENARE CON ME. LORO CROSSAVANO, IO DOVEVO FARE GOL. OGNI GIORNO PER 30 MINUTI. IO VOLEVO SOLO ANDARE A CASA PERCHÉ ERO…” – ALLO UNITED MI SONO SENTITO COME BENJAMIN BUTTON. STAVO DIVENTANDO OGNI GIORNO PIÙ GIOVANE. POI, PURTROPPO…"
 © ANSA
Charlotte Gastaut, ai bimbi racconto l'infanzia. Artista tra illustrazioni e moda, riceve a Roma il Romics d'Oro
Tre diversi ritratti, ritratti di donna, per il nuovo film del regista iraniano Jafar Panahi, censurato nel suo paese, l'Iran, e premiato da Cannes con la Caméra d'Or nel 1995 per Il palloncino bianco. Il film arriva a tre anni di distanza da Taxi Teheran.
«Sì, sono gay. Non mi importa che la gente lo sappia o che interessi a tutti, ma lo scrivo nella speranza di essere d'aiuto a qualcuno che soffre come ho sofferto io». È con queste parole che Tadd Fujikawa ha deciso di fare coming out attraverso un messaggio pubblicato sul suo profilo Instagram. «Mi ricordo molto bene quanto storie come la mia mi sono state di sostegno nei periodi più bui che ho trascorso. Mi hanno insegnato ad avere speranza. Ho passato troppo tempo fingendo, nascondendomi e odiando ciò che ero. Ero terrorizzato da quello che gli altri potessero pensare o dire sul mio conto. So di persone che non ce l’hanno fatte e si sono tolte la vita. Per quello scrivo in questa giornata speciale. Ho sofferto a livello psicologico, sono stato davvero male. Ma ora tutto è cambiato. Ora sono orgoglioso di me e di tutta la comunità Lgbt». Fujikawa risulta il primo giocatore professionista di golf ad aver fatto coming out. Di origini giapponesi, vive negli Stati Uniti dove nel 2006 è stato il più giovane atleta ad aver preso parte agli US Op
dossier Giotto Assisi - foto dello studioso Luciano Buso © ANSA
La firma di Giotto in Esaù respinto da Isacco. Lo studioso Buso, l'affresco è sicuramente suo, dipinto nel 131
181003073624710369
181003073625634545
Kendrick Sampson si spoglia in Insecure
ARRIVA LA SERIE EVENTO- L'AMICA GENIALE © ANSA
Tutte e quattro hanno letto il libro di Elena Ferrante, le più piccoline con dedizione, le più grandicelle con consapevolezza, ma tutte loro hanno capito una cosa, di essere "fortunate a poter studiare", giovanissime donne "libere di andare a scuola". Ma queste piccole guerriere hanno anche un sogno comune nel cassetto: "E' la prima volta che siamo state su un set, ma ci siamo impegnate, appassionate, abbiamo seguito i consigli del regista, le lezioni del coach per parlare il napoletano stretto, e ci piacerebbe in futuro continuare a fare le attrici". Magnetiche, magiche, tenere. Diverse, e uniche nella bellezza senza fronzoli, immediate e intelligentissime. Due bionde e due more, poche manciate di anni a dividerle. Sono le quattro attrici scelte dal regista Saverio Costanzo per interpretare le protagoniste de L'amica geniale, serie evento tratta dal bestseller di Elena Ferrante: sono Elisa del Genio e Ludovica Nasti nei panni di Elena e Lila da bambine, mentre per interpretare le due amiche adolescenti sono state prese Margherita Mazzucco e Gaia Girace. Il libro solo in Italia ha venduto più di un milione e mezzo di copie, è stato venduto in 40 paesi ed è diventato un caso editoriale anche grazie al mistero che per anni ha circondato l'identità dell'autrice. Il 27 novembre finalmente va in onda in prima visione in su Rai1 in prima serata su Rai Play e in contemporanea su Timvision in formato 4K, 8 puntate per un totale di quattro prime serate. Una maxi produzione tv prodotta da Lorenzo Mieli e da Marco Gianani per Wildside e da Domenico Procacci per Fandango, in collaborazione con Rai Fiction, HBO Entertainment e TimVision. La presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia e in America, dove il primo episodio è stato trasmesso in anteprima il 18 novembre, hanno già decretato il successo della trasposizione televisiva della storia: la prima puntata, trasmessa in italiano/napoletano sottotitolato in inglese, ha conquistato 242 mila spettatori. La miniserie, come già il libro, è il racconto dell'amicizia tra due donne, Elena e Lila, dall'infanzia all'età adulta. Le due amiche della Napoli anni Cinquanta, cresciute in un rione a colpi di violenza, rancori e ripicche che, in modo diversissimo - talvolta conflittuale e talvolta complementare - offrono due visioni della femminilità.
Per il regista l'incontro con le quattro giovani interpreti (tutte esordienti come chiesto da Elena Ferrante) è stato come "una sorta di rivelazione". Il racconto copre oltre sessant'anni di vita - delle due ragazze ma anche dell'Italia intera - portando in scena 150 attori e 5mila comparse riunite attorno alle vere protagoniste.Le piccoline parlano di quanto si siano appassionate a vedere allestire un intero quartiere sul set, dei costumi, delle prove.
Poi il colpo di scena: alla domanda "ma voi che idea vi siete fatta della misteriosa Elena Ferrante e sulla sua identità?", spiazza la replica della piccola Elisa del Genio (Elena). "Io in verità un'idea me la sono fatta". In che senso? Saverio Costanzo ha detto chi è solo a te? Ci stai regalando lo scoop? (gomitata dalla collega più grande ndr.). Quindi precisa: "Veramente è una mia idea personale. A nessuno di noi è stato svelato niente neanche Saverio lo sa!". Sul suo personaggio aggiunge: "Mi ritrovo molto in Elena, nel suo carattere: sembra debole ma dentro ha una grande forza". Ludovica Nasti: "Quest'esperienza mi ha dato molto, mi ha fatto capire che fare l'attrice è il mio sogno. Ma soprattutto mi ha dato molte emozioni, scoprire il set e lavorare con Saverio".
Margherita Mazzucco: "Non mi sono identificata da subito con Elena, ci ho messo del tempo. Poi ho capito che siamo più simili di quanto pensassi. Quando ho iniziato non sapevo nulla di cinema ed è stata una grande esperienza". Nel terzo episodio presentato oggi in anteprima mondiale a Viale Mazzini, 'La metamorfosi', la serie compie un salto. Ci sono sempre Lenù e Lila, ma sono cresciute, sono diventate adolescenti di 13/14 anni. "Gli otto episodi - spiega Costanzo - vogliono essere parte di un unico racconto, eppure la divisione tematica li differenzia per forma filmica e struttura narrativa, ispirandosi ogni volta ai mutamenti del corpo e agli stati d'animo delle protagoniste. L'immagine, la messa in scena, i colori della serie evolvono così e si modificano con l'avanzare della Storia".
Risultati immagini per italo calvino e elsa de giorgi
LA STORIA D’AMORE TRA ITALO CALVINO ED ELSA DE’ GIORGI, UNA DELLE ATTRICI PIÙ AMATE DEL CINEMA DEI “TELEFONI BIANCHI”, FU DIFFICILE E FURIOSA, FATTA DI INCONTRI PROIBITI E LETTERE BOLLENTI - ORA GRAZIE A GUIDO DAVICO BONINO SI ARRICCHISCE CON UN EPISODIO DA CRONACA NERA: “ERO IN CASA EDITRICE. A UN CERTO PUNTO IRRUPPE UNA BIONDONA CON LO CHIGNON. MI ACCORSI CHE IN MANO AVEVA UNA PISTOLA VERA. ''DOV'È ITALO, DOV'È QUEL MASCALZONE?'' GRIDÒ NEL CORRIDOIO…
Film Monet © ANSA
L'occhio prodigioso per catturare ogni forma e ogni sfumatura di colore, la mano instancabile per trasferire sulla tela la delicata maestosità della natura, tra acqua e luce, fiori e cielo: il talento del padre dell'Impressionismo è al centro del film "Le ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce", diretto da Giovanni Troilo e prodotto da Ballandi Arts e da Nexo Digital, nelle sale dal 26 al 28 novembre in collaborazione con Timvision Production.
Attraverso la narratrice Elisa Lasowski e gli interventi dello scrittore Ross King, della fotografa Sanne De Wilde e della giardiniera della Fondation Monet Claire Hélène Marron, il film mescola fiction e immagini di repertorio per ricostruire la parabola artistica e umana dell'artista francese: la pittura come vita, la nascita dell'Impressionismo, la famiglia e il dolore per i lutti, l'amicizia con il primo ministro francese George Clemenceau che lo protesse e ne comprese la genialità, la malattia agli occhi, la sofferenza per la tragedia della prima guerra mondiale che prende corpo nei dipinti. In particolare nel racconto emerge l'elemento che maggiormente caratterizzò la vita di Monet: la passione per il paesaggio circostante ben presto si trasformò nell'ossessione di rappresentare su ogni tela l'impalpabile bellezza dell'acqua, della luce e dell'aria. Monet dipingeva senza mai smettere, riproponendo soggetti ricorrenti, alberi, acqua, fiori e soprattutto ninfee. Per l'artista, che concepiva la natura non solo come soggetto privilegiato dei suoi quadri ma anche come strumento per dare voce al suo paesaggio interiore, questa sorta di sfida continua alla sua capacità di pittore divenne un tormento e una perenne forma di inquietudine.
QUANDO LA BBC BOCCIO’ IL FUTURO 'ZIGGY STARDUST': "UN CANTANTE PRIVO DI PERSONALITA’ CHE NON SAREBBE MIGLIORATO NEANCHE DOPO DIVERSE PROVE" – MA LA COMMISSIONE TALENTI DELL’EMITTENTE PUBBLICA BRITANNICA AVEVA DEFINITO “PRETENZIOSO E SENZA SENTIMENTI” ANCHE ELTON JOHN. E I BEATLES FURONO RESPINTI DAGLI STUDI DELLA 'DECCA'…
nabokov srive in autonabokov cover
LE "LEZIONI DI LETTERATURA" DEL 1948 DELLO SCRITTORE SONO SAGGI MAGISTRALI: "DICKENS E’ UN BRAVO MORALISTA, IL JOYCE DI 'ULISSE' È RIMASTO VITTIMA, A POSTERIORI, DEL SUO STILE - IL “SEMIDIO” KAFKA, PROUST "AI LIMITI DELL’UMANO" LO STEVENSON "È FRA TUTTI IL PIÙ POP E LO STRANO CASO DEL DOTTOR JEKYLL E DI MR HYDE E’ UN CAPOLAVORO MINORE".
Romaeuropa: Oumou Sangaré, l'ambasciatrice della musica africana nel mondo il 22 settembre all'Auditorium Parco della © ANSA
La sua musica è dunque espressione artistica e culturale, ma anche fenomeno sociale, tanto che è stata insignita del titolo di Ambasciatrice di buona volontà dalle Nazioni Unite e ha conseguito il Music Prize dell'International Music Council fondato dall'Unesco per il suo contributo "all'arricchimento e allo sviluppo della musica, della pace, della comprensione tra popoli e della cooperazione internazionale". Quando aveva due anni, suo padre emigrò in Costa d'Avorio con una seconda moglie, abbandonando sua madre che era incinta e che, per campare, ha iniziato a cantare ai matrimoni e ai battesimi. L'amara esperienza di Oumou ha formato la sua coscienza. L'artista non ha dimenticato la sua storia e, anzi, ne ha fatto una bandiera di lotta: "Quando nella tua società vedi qualcosa che si sta rompendo e sgretolando, - ha detto - devi parlarne. Dobbiamo prenderci cura della nostra dignità e avere rispetto per le parole che scegliamo".
Presentazione della terza stagione di teatro terapia a Milano e Roma Ingresso libero
Il tema della stagione 2018-19 sarà “allenare i comportamenti inconsueti e vivere più felici”, un vademecum per rendere la vita e i rapporti umani più semplici. Non tutti riescono a raggiungere i propri obiettivi, spesso a causa di abitudini nocive reiterate. Elemento fondamentale nella vita di ognuno di noi è la soddisfazione verso se stessi. Il palcoscenico sotto la regia esperta della psicoterapeuta Giovanni Porta si trasformerà in “palestra esistenziale”, grazie al quale sperimentare comportamenti e modi di stare al mondo diversi dal solito. Un “circo protetto” dentro al quale rischiare di diventare come ci piacerebbe, accettando di cadere e sbagliare, perché nessun errore è così drammatico come non provare.
L'immagine può contenere: 1 persona
l'attore palermitano  Domenico Ciaramitaro dichiara in un intervista che fin da piccolo ha sempre nutrito la passione per il teatro, era l'unico modo che aveva per esprimersi  e sentirsi vivo tanto da dare vita insieme ad altri giovani colleghi allo spazio teatrino  alla Zisa di sedici posti ..... piccole magie del teatro....
Risultati immagini per dafoe van gogh
 ''IO SONO LA MIA ARTE". NON POSSIAMO CHE ACCOGLIERE CON PIACERE IL VAN GOGH DIRETTO DA JULIAN SCHNABEL E INTERPRETATO DA WILLEM DAFOE IN UN MISTO DI FRANCESE E INGLESE CHE CI RICORDA NON POCO IL SUO PASOLINI IN VERSIONE ABEL FERRARA. NON È IL SOLITO PESANTE BIOPIC, E SCHNABEL HA LA MODESTIA DI NON VOLER FARE NÉ L'AUTORE NÉ L'ARTISTA, MA SOLO
La copertina de 'Il Novecento' di Vittorio Sgarbi © ANSA
vediamo di cosa si tratta......
Risultati immagini per alberto moravia
“MONTALE SEMBRA UN FRATE RAFFINATO E LIBRESCO” – I CATTIVISSIMI GIUDIZI DI MORAVIA SUI COLLEGHI LETTERATI, NELLA RIEDIZIONE DELL’AUTOBIOGRAFIA IN FORMA DI INTERVISTA AD ALAIN ELKANN – PAVESE “ISPIDO, TACITURNO, RIDACCHIANTE”; IL PERFEZIONISMO DI BASSANI, UN “FLAUBERT REDIVIVO”; SARTRE, CHE SEMBRA “UNO DI QUEI PESCI NEGLI ACQUARI CHE DIVORANO TUTTO QUELLO CHE GLI CAPITA IN BOCCA”
Famoso al grande pubblico per aver interpretato il dottor Levi Schmitt nella serie televisiva Grey's Anatomy, l'attore Jake Borelli ha fatto coming out dal suo profilo Instagram. In riferimento ad una puntata in cui il suo personaggio baciava un uomo dopo diversi giorni di corteggiamento, ha scritto:
Da ragazzo gay la puntata di questa sera è stata per me particolarmente importante. Questo è esattamente il genere di storia che ho sognato da giovane gay che ha vissuto in Ohio. La vulnerabilità e l'orgoglio di Levi sono fonte di ispirazione per me ogni giorno e spero che possa fare lo stesso anche per voi. A tutti voi che vi sentite dei piccoli Levi, sappiate che anch'io lo faccio e che in questo ci siamo dentro tutti insieme. Grazie a quelli che mi hanno supportato in questi anni, vi amo più di tutte le stel
Tutta l?Umbria una mostra Opere a Galleria Nazionale dell?Umbria a Perugia © ANSA
Ad aprire è il Trittico con la Madonna con bambino del Marzolini, del 1275 ma ancora così orientaleggiante, che era qui anche nel 1907. Poi, uno dopo l'altro, ecco il Cristo straziante di Nicolò Alunno, che tanto commosse la Regina Margherita. La celeberrima Annunciazione Ranieri del Perugino, i Gonfaloni delle processioni per scongiurare carestie e pestilenze, in una galleria infinita di volti angelicati, fondi oro, Madonne e santi, che per la prima volta rimettono insieme maestri come Gentile da Fabriano, Benozzo Gozzoli, Pintoricchio, Duccio, Beato Angelico, Piero della Francesca e Pietro da Cortona. È proprio "Tutta l'Umbria una mostra", come recita il titolo della grande esposizione pensata per festeggiare i 100 anni della Galleria Nazionale dell'Umbria prendendo spunto dalla storica Mostra d'antica arte umbra del 1907, la più imponente esposizione mai organizzata dalla regione, che con oltre mille pezzi al tempo contribuì a definire per la prima vota caratteristiche e tratti della scuola nata su questa terra tra Medioevo e Rinascimento. Oggi sono più di 140 opere, dall'11 marzo al 10 giugno a Perugia, in arrivo "soprattutto da diocesi e chiese" per le quali racconta il direttore della GNU Marco Pierini "abbiamo finanziato quasi 100 mila euro di restauri". "Una mostra - aggiunge la presidente della Regione, Catiuscia Marini - che è un invito a conoscere tutta l'Umbria e la sua storia millenaria".
 film - Un giorno all'improvviso (ANSA)     
Cinema .In sala l'opera prima di Ciro D'Emilio già ad Orizzonti a Venezia. Un giorno all'improvviso, Foglietta madre folle
Risultati immagini per chiudi gli occhi
bene....
 © ANSA
Un venditore ambulante di sorgo nelle strade di Peshawar
 © ANSA
Persone reali e immaginarie. La loro differenza si dissolve nello sguardo e nei libri di Elizabeth Strout. In 'Tutto è possibile' (Einaudi), la scrittrice Premio Pulitzer ritorna ad alcuni personaggi del suo precedente romanzo, 'Mi chiamo Lucy Barton' e ce li fa sentire, scavando nella loro vita, proprio come dei nostri vecchi amici.  "Per me sono personaggi reali, semplicemente persone. Devo ammettere che, per quello che mi riguarda, non c'è niente di più interessante di questo nello scrivere" dice all'ANSA la Strout che è stata tra i grandi protagonisti del Festivaletteratura di Mantova appena concluso e il 14 settembre è attesa a Pordenonelegge. Ritroviamo così Mississipi Mary che si innamora a oltre 70 anni, Charlie Macauley, veterano del Vietnam, nel B&B di Dottie, il fratello di Lucy, Pete, che esce dalla sua solitudine, e la nopote Lila Lane.
Luca Zingaretti dirige THE DEEP BLUE SEA con Luisa Ranieri _ dal 20 novembre al 2 dicembre Teatro Argentina © ANSA
L'amore è bisogno dell'altro, egoismo e lotta alla solitudine, ricerca di conferme egoistiche o è amare l'altro sino a saper fare scelte per il suo bene anche dolorose? Risponde in fondo a questo interrogativo, cui nella pratica non è mai facile dare una soluzione, questo 'The Deep Blue See', intenso testo di Terence Rattigan, molto ben costruito anche sul piano delle psicologie dei personaggi, e non solo i principali, coproduzione tra il Teatro di Roma e il Teatro della Toscana che si replica all'Argentina sino al 2 dicembre con l'ottima regia di Luca Zingaretti e una Luisa Ranieri di grande maturità, protagonista con Giovanni Anzaldo.
I legami malati, come ci rivela la psicanalisi, sono sempre più forti di quelli sani, ed è fatto di ganci sentimentali storti, di egoismi, di bisogni personali, di sensualità quello tra Hester Collier e il suo compagno Fred Page, un ex eroico pilota della Raf e poi apprezzato e ricercato pilota collaudatore sino al giorno di un grave incidente in Canada che gli ha stroncato la carriera, anche perché dovuto alla sua propensione all'alcol. Così oggi in una Londra moralista di qualche decennio fa si trascina senza una lira e senza fare i conti con i propri sensi di colpa tra un campo da golf e un pub sempre sul limite dell'ubriachezza, mentre c'è l'affitto da pagare e lei, che poteva diventare una brava pittrice e abbandonato un marito e una vita molto agiata per lui, lo aspetta in casa sempre preoccupata e depressa, sino alla sera del suo compleanno, in cui, sentendosi abbandonata e non vedendolo rincasare, tenta il suicidio, forse più per un inconscio ricatto dei sentimenti che per farla finita. La salva la portiera che sente odore di gas e il signor Miller, un vicino medico radiato anni prima dall'ordine per qualche grave colpa. Coinquilini sono anche i due coniugi Welch, che arrivano in casa di Hester con la portiera e nel loro un po' ottuso e timoroso perbenismo, cercando di darsi da fare, decidono di avvisare dell'accaduto l'ex marito della donna, il giudice Sir Collier, che si precipita sul luogo. Hester ha paura di farsi vedere nello stato in cui vive da lui e cerca di evitarlo, ma quando se lo troverà davanti avranno subito un rapporto civile e partecipe in cui il cercare di capirsi riesce comunque difficile, visto quanto lei è cambiata col tempo, rendendosi conto che con quell'uomo non ha ormai nulla a che spartire.
tumblr_pdtnv7zD8w1qa0p3wo1_400tumblr_pdtnv7zD8w1qa0p3wo3_400tumblr_pdtnv7zD8w1qa0p3wo2_400
River Viiperi nudo su Instagram
tavolette di vindolandagli scavi
RITROVATE 25 TAVOLETTE VICINO AL VALLO DI ADRIANO CHE AGGIUNGONO NUOVI DETTAGLI SULLA VITA DELLE LEGIONI NELLE PROVINCE ROMANE A NORD DELL’IMPERO – DAI PRIMI RILIEVI SEMBRA CHE SI RICHIEDESSE AL PREFETTO DI VINDOLANDA DI SPEDIRE AL PIÙ PRESTO DELLA BIRRA PERCHÉ L'UMORE DEI SOLDATI ERA A TERRA
La copertina di 'Satantango' di  Laszlo Krasznahorkai © ANSA
da leggere....
 © ANSA
da leggere...e

Gabriel Da Costa Nudo d'autore: L’attore Mostra Il Pisello Mentre Si Masturba In ‘Even Lovers Get The Blues’


Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy