Glauco Rampone ....... ritengo che il cinema indipendente sia l'unica speranza di ridare lustro a questo straordinario mondo. dicembre 4, 2018 \\

Descrivi il tuo giorno sul set del film che ti vede protagonista  ….
Fosse così semplice! Le miriadi di casualità di cui bisogna tener conto su un set fanno sí che non ci si possa abituare a niente. Una cosa che accomuna tutte le giornate è sicuramente: "Motore partito!" "Azione!".
A parte tutto, certamente sono stati giorni impegnativi ma l'entusiasmo e la voglia di fare hanno prevalso.
 Cosa ti ha portato verso la recitazione
 Domanda difficile, e forse irrisolvibile. Alla fine dire "mi piace farlo" è banale e non elargisce nessun tipo di spiegazione, ma al tempo stesso è più che esaustivo. Mi sono avvicinato alla recitazione per una serie di eventi combinati, ma, a dire la verità, come forse tutti, non sono sicuro di poter attribuire a qualcosa in particolare l'origine di questa mia passione.

Se potessi svegliarti domani con una nuova dote, quale sceglieresti?
Fra tutte, sicuramente prevedere il futuro! Se per dote intendiamo qualcosa di più concreto, allora credo sceglierei il canto, che alla fine è un'abilità complementare a quella della recitazione e potrebbe darmi, quindi, una spinta anche in questo ambito.


A chi sei più grato per la tua passione artistica? 
 Dovrei nominare più persone, ad essere sincero, ma mi limito a riservare un posto speciale a mia madre che mi ha sempre spinto a perseguire le mie passioni.

Cambieresti qualcosa nel mondo del cinema ?
Non sono un regista, non uno scenografo, né un tecnico. Fatta questa premessa, sono dell'idea che il mondo del cinema rischia di monopolizzarsi fino a "saturare". Non è mia intenzione ergermi a opinionista come molti fanno, ma ritengo che il cinema indipendente sia l'unica speranza di ridare lustro a questo straordinario mondo.
L'immagine può contenere: 1 persona
Tre domande in una …. Il tuo romanzo preferito ….. il tuo film preferito … il tuo spettacolo di teatrale  preferito
 Dare una risposta unica è complicato, ma ci provo! Il mio romanzo preferito è probabilmente "Io non ho paura" di Ammaniti. Per quanto riguarda i film ce ne sono tanti che mi piacciono e che hanno fatto anche la storia del cinema. Un nome per tutti: "Il discorso del re" con Colin Firth. Come spettacolo teatrale direi "Natale in Casa Cupiello" di Eduardo de Filippo, che fa anche parte di una tradizione familiare (rivederlo ogni anno nel periodo natalizio).

Che cosa è troppo serio per scherzarci su?
Per citare Chaplin, alla fine, tutto è  uno scherzo.

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy