ANDREAS MOULIN: " La musica è sempre stata lì nella mia vita. Non riesco a ricordare un giorno senza di essa e non riesco nemmeno a immaginare un giorno senza di essa. .." intervista in inglese e italiano febbraio 19, 2020 \\

Andreas tell us about yourself, who is Andreas Moulin as a person?
I am a belgian violinist, pianist and composer. At least that’s the label others use to give me. But I don’t like being put in a box. Basically I consider myself more as a calm guy who has the primary need to express himself and to share everything that’s living inside of him. I’m a real dreamer. Not only during the night but also during the day I dream a lot and I catch myself often losing my attention. And so much to the annoyance of my friends and colleagues, my mind often drifts away. When they see me all of a sudden staring in the distance, they realize they lost me, again.
Some of my students will say I can be a very strict teacher which I am I suppose but it’s always in a righteous way. I don’t like loud noises and being in large crowds. That’s why I always attempt to chase the silence. I can be very chaotic and impulsive and I wish I was less sensitive to what others think about me. I’ve learnt how to be more patient with myself but it’s still an every day challenge. I like the simple things like the smell of warm baked bread, the sound of a gentle rain and a walk in the forests. I like it when things are simple although sometimes I tend to make things more complicated.  
Risultato immagini per ANDREAS MOULIN
Describe your perfect working day….
I start my day with a fresh gymm session. After training my muscles I feel more productive and ready to continue my day. On my way home I listen to some music and analyse it. Maybe it gives some inspiration for new pieces. I practice my piano- and violinrepertoire to prepare for upcoming concerts or recordings. Without having a fixed planning I just do what I feel I have to. I rehearse a lot with my friends and colleagues and when I feel I’m not focused, I go out and have a walk in the nature which recharges me completely. In the afternoon I’ll probably have a little power nap. After the rehearsals and the practice, I take care of my muscles by doing cooling down and stretching exercices. In the evening I meditate and try to observe what’s going on in my mind. When I’m in the mood, I just lie on my carpet drifting away when listening to music. Before I go to the realm of dreams, I read a bit. It almost never takes me long to fall asleep.  
Risultato immagini per ANDREAS MOULIN
How did your passion for music come about?
Music has always been there in my life. I can’t remember a day without it and can’t even imagine a day without it. When I was 3 I used to play on the piano in my aunt’s place. I remember using just two fingers to play the same line over and over again without getting bored. I often listened to cassette tapes when I was alone and I sang along with it. My mother noticed me being fascinated by music and brought me to the music academy at the age of 4. Originaly I wanted to play harp, but since there was no harp teacher in the school, I chose to play the violin. Later I wanted to learn to play the piano officially as well. As a child I had a very severe violin teacher. I remember being terrified of entering the class and I often cried afterwards. And so I became afraid of music as an adolescent but at the same time it was the music that gave me comfort. It helped me to accept my emotions and it gave me courage to continue. Therefore I decided at the age of 18 to study music in order to repair my relation with it.          

Specifically, to whom are you most grateful for your artistic passion?
In the first place my mother, because it was she who took me to my first lessons violin in the academy and who encouraged me to practice every day. She even attended my lessons to take notes and I remember her standing next to my music stand beating the time while practicing.
Also I am very grateful for the lessons from my violin professor in conservatory, Erisa Kawaguti who taught me how to be myself as a musician. She always believed in me and helped me a lot when I suffered from chronic pain.    

Which musicians and composers are you most influenced by or inspired by?
It depends from time to time and from the mood I’m into. There are so many composers that I admire and that I get inspiration from. In general I’ve always liked the music of Debussy and Ravel. But also Vaughan Williams and Bach I can appreciate a lot. I am really fond of Ólafur Arnalds and Max Richter. The silence and fragility in their music always soothe my mind. Recently I’ve started listening more to the music of Rachel Portman. Listening to her music is like ‘coming home’ to me.  

If you could wake up tomorrow with a new dowry, which one would you choose?
I would go for great dancing and acrobatic skills. I admire the way dancers and acrobats control every muscle and how they use space to fill it with movements full of emotion.   

Would anything change in the world of music in which it was formed?
I believe music will always develop just like we all will.
Risultato immagini per ANDREAS MOULIN
What message does music give today?
Music gives an invisible body to the things we can’t put into words or drawings. It gives us a glimpse of pure truth and eternity. It eases pain and makes us remember. It allows ourselves to dream and to think bigger. Music gives courage and hope. It makes us ‘child’ again, something most of us have forgotten. And last but not least music brings people together, it unites us all. It connects us with our inner self.       

There is room in Europe for young musicians and if you were to give passionate advice to an aspiring musician, what would you say to him?
-‘You play music, you don’t work it’
-Be patient, every mile begins with one single step
-Believe in yourself
-Never imitate someone else, always play from YOUR heart and YOUR body
-Don’t play music but let the music play you
-Always ask yourself the question what it is that makes music so special to you
-playing music is like dancing the notes and feeling your choreography on your instrument.

Risultato immagini per andreas moulin e sachiko nogami
The relationship with his hometown.
I was born and raised in the countryside and always have been surrounded by forests, farming fields and meadows. Therefore Mother Nature plays a very big role in my life. I can’t imagine a life without forest walks.  
   
What is too serious to joke about?
Deadly Diseases
 
Your upcoming commitments?
I’m working on a new piece called ‘hope is the thing with feathers’. In April this piece will be performed in a brand new video clip in order to reach as many people as possible to spread a powerful message.
It was my children’s wish to write my own book series. In a few weeks I will start writing again.
I’m planning new concerts with my music theatre ‘Mirage’ and with my chamber ensemble ‘Thalilou’. I also will cooperate in a project that involves music and literature. There even might be plans to work together with an Italian artist in a dance project in which my music will be used.  
In the end of March I’m expecting the tracks of my recent orchestra composition ‘Forgotten Letters’ being published and broadcasted on Belgian radio. And in the meanwhile I continue following my sign language lessons. Like I told previously, I want to be able to reach everyone, even those who can’t hear.

 
ANDREAS MOULIN musicista
Andreas raccontaci di te, chi è Andreas Moulin come persona?
Sono un violinista belga, pianista e compositore. Almeno questa è l'etichetta che gli altri utilizzano per indicarmi. Ma non mi piace essere messo in una scatola. Fondamentalmente mi considero più un ragazzo calmo che  sente il bisogno primario di esprimersi e condividere tutto ciò che vive dentro di lui. Sono un vero sognatore. Non solo di notte, ma anche di giorno, sogno molto e mi sorprendo a perdere la mia attenzione. E così tanto per il fastidio dei miei amici e colleghi, la mia mente spesso si allontana. Quando mi vedono all'improvviso fissare in lontananza, si rendono conto di avermi perso di nuovo.
Alcuni dei miei studenti diranno che posso essere un insegnante molto severo, suppongo che sia sempre in modo giusto. Non mi piacciono i rumori forti e la folla. Ecco perché cerco sempre di inseguire il silenzio. Posso essere molto caotico e impulsivo e vorrei essere meno sensibile a ciò che gli altri pensano di me. Ho imparato a essere più paziente con me stesso, ma è ancora una sfida quotidiana. Mi piacciono le cose semplici come l'odore del pane caldo cotto, il suono di una leggera pioggia e una passeggiata nei boschi. Mi piace quando le cose sono semplici, anche se a volte tendo a complicare le cose.

 Descrivi la tua giornata lavorativa perfetta…
Comincio la mia giornata con una nuova sessione gym. Dopo l'allenamento dei muscoli mi sento più produttivo e pronto a continuare la mia giornata. Sulla strada di casa ascolto un po' di musica e la analizzo. Forse mi dà qualche ispirazione per nuovi pezzi. Pratico il mio piano-violino e il repertorio per prepararmi per i prossimi concerti o registrazioni. Senza una pianificazione fissa, faccio solo quello che sento di dover fare. Faccio molte prove con i miei amici e colleghi e quando sento di non essere concentrato, esco e faccio una passeggiata nella natura che mi ricarica completamente. Nel pomeriggio probabilmente farò un pisolino per ricaricarmi. Dopo le prove e la pratica, mi prendo cura dei miei muscoli facendo esercizi di raffreddamento e stretching. La sera medito e cerco di osservare cosa succede nella mia mente. Quando sono dell'umore, mi sdraio sul tappeto e mi allontano mentre ascolto la musica. Prima di andare nel regno dei sogni, leggo un po '. Non mi ci vuole quasi mai molto ad addormentarmi.

Come è nata la tua passione per la musica?
La musica è sempre stata lì nella mia vita. Non riesco a ricordare un giorno senza di essa e non riesco nemmeno a immaginare un giorno senza di essa. Quando avevo 3 anni suonavo il piano al posto di mia zia. Ricordo di aver usato solo due dita per suonare sempre la stessa linea senza annoiarmi. Ho ascoltato spesso le cassette, quando ero solo e cantavo. Mia madre mi ha notato affascinato dalla musica e mi ha portato all'Accademia di musica all'età di 4 anni. Inizialmente volevo suonare l'arpa, ma dato che non c'era nessun insegnante di arpa nella scuola, ho scelto di suonare il violino. In seguito volevo anche imparare a suonare il piano ufficialmente. Da bambino ho avuto un insegnante di violino molto severo. Ricordo di essere terrorizzato all'idea di entrare in classe e spesso ho pianto  in seguito. E così ho avuto paura della musica da adolescente, ma allo stesso tempo è stata la musica a darmi conforto. Mi ha aiutato ad accettare le mie emozioni e mi ha dato il coraggio di continuare. Perciò ho deciso all'età di 18 anni di studiare musica per riparare il mio rapporto con essa.

 In particolare, a chi sei più grato per la tua passione artistica?
In primo luogo mia madre, perché è stata lei a portarmi alle mie prime lezioni di violino nell'accademia e a incoraggiarmi a esercitarmi ogni giorno. Ha anche frequentato le mie lezioni per prendere appunti e ricordo che era in piedi accanto al mio stand di musica a battere il tempo mentre mi esercitavo.
Sono anche molto grato per le lezioni della mia professoressa di violino in conservatorio, Erisa Kawaguti, che mi ha insegnato come essere me stesso come musicista. Ha sempre creduto in me e mi ha aiutato molto quando ho sofferto di dolore cronico.

Quali musicisti e compositori sei maggiormente influenzato o ispirato?
Dipende di volta in volta e dall'umore in cui mi trovo. Ci sono così tanti compositori che ammiro e da quali traggo ispirazione. In generale mi è sempre piaciuta la musica di Debussy e Ravel. Ma apprezzo molto anche Vaughan Williams e Bach . Sono davvero affezionato a Ólafur Arnalds e Max Richter. Il silenzio e la fragilità nella loro musica calmano sempre la mia mente. Di recente ho iniziato ad ascoltare di più la musica di Rachel Portman. Ascoltare la sua musica è come "tornare a casa" per me.

Se potessi svegliarti domani con una nuova dote, quale sceglieresti?
Vorrei possedere la dote di saper danzare e  avere abilità acrobatiche. Ammiro il modo in cui ballerini e acrobati controllano ogni muscolo e come usano lo spazio per riempirlo di movimenti pieni di emozione.

Cosa cambierebbe nel mondo della musica in cui è stata formato?
Credo che la musica si svilupperà sempre proprio come faremo tutti.

Che messaggio dà la musica oggi?
La musica dà un corpo invisibile alle cose che non possiamo mettere in parole o disegni. Ci dà uno scorcio di pura verità ed eternità. Allevia il dolore e ci fa ricordare. Ci permette di sognare e pensare in grande. La musica dà coraggio e speranza. Ci rende di nuovo "bambini", qualcosa che molti di noi hanno dimenticato. E, ultimo ma non meno importante, la musica unisce le persone, ci unisce tutti. Ci collega con il nostro io interiore.

In Europa c'è spazio per i giovani musicisti e se dovessi dare un consiglio appassionato a un aspirante musicista, cosa gli diresti?
"Suoni musica, non la lavori"
-Siate pazienti, ogni miglio inizia con un solo passo
-Credi in te stesso
-Non imitare mai qualcun altro, gioca sempre dal TUO cuore e dal TUO corpo
-Non riprodurre musica ma lascia che la musica ti suoni
-Fatti sempre la domanda che cosa rende la musica così speciale per te
suonare la musica è come ballare le note e sentire la tua coreografia sul tuo strumento.


 Il rapporto con la sua città natale.
Sono nato e cresciuto in campagna e sono sempre stato circondato da boschi, campi agricoli e prati. Pertanto Madre Natura ha un ruolo molto importante nella mia vita. Non riesco a immaginare una vita senza passeggiate nella foresta.
  
Che cosa è troppo serio per scherzare?
Malattie mortali
 
 I tuoi impegni imminenti?
Sto lavorando a un nuovo pezzo chiamato "la speranza è la cosa con le piume". Ad aprile questo pezzo verrà eseguito in un nuovissimo video clip per raggiungere quante più persone possibile per diffondere un messaggio potente.
È stato il desiderio dei miei figli di scrivere la mia serie di libri. Tra qualche settimana ricomincerò a scrivere.
Sto programmando nuovi concerti con il mio teatro musicale "Mirage" e con il mio ensemble da camera "Thalilou". Collaborerò anche a un progetto che coinvolge musica e letteratura. Potrebbero anche esserci piani per collaborare con un artista italiano, in un progetto di danza in cui verrà utilizzata la mia musica.
Alla fine di marzo mi aspetto che i brani della mia recente composizione per orchestra "Lettere dimenticate" vengano pubblicati e trasmessi alla radio belga. E nel frattempo continuerò a seguire le mie lezioni di lingua dei segni. Come ho detto in precedenza, voglio essere in grado di raggiungere tutti, anche quelli che non riescono a sentire.













Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy