Lo storico Mann: "Il virus cambierà il cinema come la spagnola"