Il regista Andrea Natale: "Il linguaggio cinematografico da sempre propone infinite chiavi interpretative, mi ha sempre affascinato il suo essere una “macchina che fabbrica sogni”."