Carlo Di Maro: "La fase di prove in teatro racchiude l'essenza stessa di uno spettacolo, il cui concepimento è emozionante e quasi soprannaturale." luglio 21, 2020 \\

Carlo ci racconti di Lei, chi è Carlo Di Maro come persona?
Sono un giovane attore di 25 anni che vive a Napoli e che ama profondamente l’arte in ogni sua forma. Mi considero una persona molto solare che non si perde mai d’animo e cerca di guardare la vita sempre con sguardo ottimista. Quando incontro un problema o un ostacolo sono subito pronto a trovare una soluzione senza scoraggiarmi. Fondamentalmente credo nel principio per cui, nella vita, se una cosa deve accadere, accade o in caso contrario mi dico che non era giusta per me. Sono caparbio, costante e coraggioso. Tanto coraggioso da aver abbandonato, di punto in bianco dopo 6 anni, un lavoro full-time a tempo indeterminato per dedicarmi completamente alla recitazione. Un matto che ha fatto una scelta radicale e che ha la necessità di vivere, respirare e cibarsi di arte. Metto passione in ogni cosa che faccio. Per questo la qualità che forse davvero mi riconosco è la determinazione e la mia continua e insaziabile voglia di conoscere. Sono un perfezionista, un pignolo che vorrebbe avere sempre tutto sotto controllo. Non mi piace perdere tempo. Che io sia impegnato in qualche progetto/lavoro o meno, per me ogni ora va sfruttata, programmata e dedicata alla crescita personale e professionale e, naturalmente, ai rapporti interpersonali. Amo perdermi negli occhi e nelle parole di chi incontro... Mi piace molto osservare e vivere le persone, amo stare incontatto con il mondo perché credo sia, specialmente per un artista, un pozzo da cui attingere.
Descriva il suo giorno lavorativo perfetto....
Sveglia presto, un’abbondante colazione, un’ora di attività fisica e un po’ di meditazione albuio che mi aiuti a riflettere, a rilassarmi, a sgombrare la mente. Che sia un caotico set o sulletavole di un teatro, sul luogo di lavoro amo arrivare in anticipo. Più che l’opera finita, quelloche secondo me rende le giornate lavorative di un artista “perfette” è tutto il “prima”, lapreparazione di quello che sarà. Se parliamo di uno spettacolo dal vivo, in particolare, nonposso non pensare alle “prove”! La fase di prove in teatro racchiude l'essenza stessa di uno spettacolo, il cui concepimento è emozionante e quasi soprannaturale. Un vero e propriomiracolo! Bisognerebbe aprire di più le prove al pubblico, coinvolgerlo in quel momentodivino.Tornando alla mia giornata, la chiuderei in relax o con una chiacchiera con amici davanti auna birra, oppure rilassandomi in una vasca calda mentre leggo un buon libro preparandomiper il giorno successivo.

 Quali sono i personaggi artistici dai quali si sente maggiormente influenzato o da cui trae ispirazione?
Personaggi artistici che mi hanno colpito e fatto “scorrere dentro” un fuoco ce ne sono, e moltidi questi mi incentivano tutt’ora a ricercare, scoprire e dare sempre di più. Mi verrebbe dacitare V. Gassman, M. Mastroianni, V. De Sica, T. Servillo, G. M. Volontè, E. De Filippo, D.Hoffman, C. Eastwood, R. De Niro, D. Day-Lewis, M. Brando... mi fermo! Ci terrei però asottolineare che  sono influenzato da “tutti e nessuno”. Nel senso che non prendo inconsiderazione solo i grandi personaggi artistici, ma tutte le persone che ho incontrato fino adora e che continuo ad incrociare. Ogni volta che salgo su un treno, cammino per strada, entroin un negozio...beh lì trovo materia viva che si dona anche non volendo. Ed io prendo, rubo econservo nel mio deposito interiore, per poi mettere quel tesoro al servizio del mio lavoro checonsidero a tutti gli effetti un mestiere artigianale. Ritegno che l’attore debba essere capace di“rubare” da sé stesso e dal mondo che lo circonda: gli sguardi, i modi di fare, le storie, i dolorie le gioie per poi metterle a servizio del personaggio e della storia da raccontare.
Che cosa vuol dire per Lei portare in scena un buon personaggio?
Mi viene subito da dire “portare in scena se stessi”. Il personaggio non può esistere senza ilmio “stare”. Metto la mia voce, il mio corpo, il mio mondo emotivo, la mia storia al serviziodel personaggio per far vivere in modo tridimensionale quanto di lui è stato scritto dall’autorein forma bidimensionale, su carta. Mi piace arrivare insieme e accanto al personaggio, senzamai trovarmi né troppo avanti né dietro di lui. Questo rende il tutto credibile, vero e profondo.C’è sempre bisogno di una parte attiva e cosciente nell’artista sulla scena. Non amoaffermazioni del tipo: “Amo perdermi nel personaggio”,  piuttosto “Amo  ritrovarmi nelpersonaggio” e scoprire dei lati di me che non sapevo di avere. A volte basta solo scavare perfar emergere quello che fondamentalmente già è in noi. Per questo amo profondamente il miolavoro. In scena non vedrai mai lo stesso Carlo che interpreta un dato personaggio ma sempredegli aspetti e delle sfaccettature diverse in funzione della storia e del personaggio dainterpretare. È un interscambio stupendo che dovrà per forza crearsi tra personaggio e attore.È questo che rende il Teatro quello che è.  Poi dico sempre che fondamentalmente il lavoro di un attore è paragonabile a quello di ungrande prestigiatore capace di illudere, truffare, imbrogliare.  Mentre con la mano destra timostro il mazzo di carte, con la mano sinistra sto preparando il trucco, l’escamotage pertruffare te pubblico. Lo stesso accade quando si porta in scena una storia. Mi preoccupo difare arrivare allo spettatore la veridicità e la realtà del personaggio nonostante l’ausilio dellafinzione e dell’illusione. Se riesco a trasmettere questo credo di aver vinto.

Dalla danza alla musica per arrivare alla piena recitazione come avvengono questi passaggi.
Ma guardi...in realtà non c’è stato un vero e proprio “passaggio”.  Sarebbe più correttoparlare di una ricerca ininterrotta. Da piccolo ho avuto molte difficoltà ad espormi al mondo esterno. Ero un ragazzino timido,riservato, solitario e remissivo sempre alla continua ricerca di un porto sicuro in cui potessievadere. Ed così cheall’età di 9 anni ho iniziato a prendere parte ai primi, fondamentali,laboratori di recitazione (teatrali prima e cinematografici poi) nella mia città natale che mihanno   stravolto   l’esistenza.  Durante   gli  anni   ho   avuto,  poi,  modo   di   approcciare   eapprofondire molte altre discipline: musica, canto, danza, scrittura, doppiaggio. Discipline chesi sono rese funzionali e utili al mio lavoro d’attore oggi. La mia curiosità e la mia insaziabilefame d’arte mi ha spinto ad avereuna formazione a 360 gradi indagando nuove forme d’arte,altri mezzi e canali di comunicazione. Anche se cambiano i codici di comunicazione, credo chela cosa più importante è allargare il proprio bagaglio formativo. L’arte mi ha totalmentesalvato, permettendomi di compiere una profonda autoanalisi e portandomi alla conoscenzadi ciò che fino ad allora avevo sempre trascurato ed ignorato: me stesso. Mi  ha dato la possibilità di scoprire, cercare e trovare risposte. E così, la mia salvezza, si è rivelata la miapiù grande passione e da allora non mi sono mai più fermato in questa continua ricerca.
Che messaggio dà oggi il mondo dell’arte?
Ho sempre pensato che tutte le forme d’arte siano strumenti potenti per compiere unaprofonda auto-analisi. Dei canali che  permettono all’artista e allo spettatore di cercare etrovare una risposta ad una crisi esistenziale, interiore, personale o sociale che sia. Il mondodell’arte oggi comunica: “fuga”. Il periodo di quarantena appena trascorso spero sia stato, asuo modo, un’opportunità per ricordare che dietro ogni film, libro, poesia, serie tv, musica,spettacolo teatrale che ci ha accompagnato, distratto, coccolato e fatto evadere da quellareclusione forzata, ci sono proprio i lavoratori dello spettacolo e l’arte stessa. L’arte dàl’occasione e l’opportunità di evadere, fuggire e volare pur restando lì dove sei. Questo lo hasempre comunicato e continuerà a farlo a prescindere il periodo storico in cui si vive.7. Il rapporto con la sua città Natale.A dire il vero nessun rapporto in particolare. Sono nato a Villaricca e ho vissuto per anni aGiugliano in Campania (comune famoso per la mela annurca e lo scrittore GiambattistaBasile) ma tendenzialmente ho sempre cercato di vivere pienamente la grande metropoli diNapoli.

 Recentissima è stata la sua partecipazione al Napoli Teatro Festival 2020 con lo spettacolo “Purpacci” di E. Buonocore nella “Sezione osservatorio”.
Ci racconti questa esperienza.Lo spettacolo in questione ha debuttato l’8 luglio al Palazzo Reale (Giardino romantico) inscena per il NTF2020. È uno dei due spettacoli che fa parte di “In Erba”, progetto della BelliniTeatro Factory di cui sono allievo attore. Due atti unici da 50 minuti: “Purpacci – Quelli chenon saranno” di E. Buonocore e “Mia Madre non capisce” di M. Polidoro. Un progetto che hamesso in connessione il vecchio ed il nuovo triennio della Factory: due testi delle allievedrammaturghe e noi attuali allievi attori, al nostro primo anno di studi, siamo stati diretti daineo-diplomati registi del primo corso.Dopo un lungo periodo di lock-down e di pausa accademica dal vivo, ritrovarsi nel pieno dellacostruzione di questo spettacolo è stata una boccata di ossigeno puro e un’emozione difficileda spiegare. “Purpacci – Quelli che non saranno” di E. Buonocore (regia di Salvatore ScottoD’Apollonia) è un testo che parla fondamentalmente dei giovani e del loro rapporto con ilfuturo, l’avvenire. I protagonisti sono sette giovani senza famiglia, riuniti insieme in un ruderesul mare chiamati “e purpacci”, letteralmente “i polpacci”, perché passano le loro giornatesulla spiaggia con i pantaloni sempre arrotolati. Passivi, sono lì immobili a contemplare ilfuturo come si osserva il mare dalla spiaggia. Una gioventù nulla, molle, senza spina dorsale.Accade però qualcosa. Accade un limite. Un confine. La battigia viene recintata con un nastrocostringendo questi ragazzi a starsene a un passo dalla vita che vorrebbero e potrebberovivere. Un divieto assurdo e inspiegabile.Nello spettacolo interpreto Ismaele, il personaggio più lucido, capace di fare qualcosa percambiare quello status di mollezza e passività che ha immobilizzato tutti gli altri. “Purpacci” èun canto alla giovinezza che è un’aspirazione infinita. A quelli che non saranno mai. Chissà,magari lo spettacolo in un futuro prossimo potrebbe senz’altro essere ripreso.
 Il lavoro al tempo del “coronavirus” come stanno rispondendo gli artisti a questa emergenza virale ed umanitaria che ha colpito l’Italia e il mondo intero...
Molti hanno visto interrompersi bruscamente la loro attività lavorativa per più di tre mesi,per poi imbattersi in quella che in molti hanno definito una “falsa ripartenza” in cui di fattosoltanto una minima parteha potuto tornare al lavoro, mentre la gran parte di essi è ancorainattiva e priva di qualsiasi forma di sostegno al reddito. Credo che questa pandemia nonabbia fatto altro che far emergere quello che fondamentalmente si è sempre saputo: ovvero lapoca importanza e considerazione che si ha per il settore dello spettacolo dal vivo.Molti lamentano la mancanza di dialogo e confronto con il mondo della politica circa ledecisioni prese per il settore.  Proprio in virtù di questa situazione i lavoratori dello spettacolosi sono mobilitati a livello nazionale con diverse organizzazioni (ad esempio “Attrici e Attoriuniti”) per dare maggiore solidità alle rivendicazioni e per provare ad aprire un dialogo con leistituzioni al fine di migliorare le condizioni di tutti i lavoratori del settore per mettere mano auna riforma del mondo dello spettacolo da troppo tempo attesa e sempre rinviata. Da sempre gli artisti hanno avuto la straordinaria potenza, genialità e forza di reinventarsi eadattarsi al periodo storico in cui vivono. Non fraintendetemi quando dico “adattarsi”. Hosempre pensato che l’arte non è altro che lo specchio del periodo storico in cui si vive e inquesto la storia del teatro stesso ci insegna che gli artisti sempre e comunque sono riusciti aresistere ed esistere contro ogni forma di potere. L’uomo, grazie all’arte, può cambiare séstesso e la società.

I suoi prossimi impegni?
Nel 2019 sono stato ammesso come allievo attore per il triennio 2019/22 presso la “Bellini Teatro Factory” (l’Accademia d’arte drammatica a tempo pieno del Teatro Bellini di Napoli diretta da Gabriele Russo) per cui i miei prossimi impegni sono relegati fondamentalmente ai progetti organizzati dall’accademia stessa. Porterò a termine questo meraviglioso percorso di studi intrapreso e se ci saranno dei progetti teatrali e cinematografici che potrò incastrare benvenga

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy