L'attore Federico Rosati: "Portare in scena un buon personaggio vuol dire connessione col mio io più profondo, annullare Federico per restituire l’altro da me . " ottobre 12, 2020 \\

Federico ci racconti di Lei, chi è Federico Rosati come persona?
Bella domanda ! E se le rispondessi con un altra domanda ? Chissà chi è davvero Federico Rosati? Me lo chiedo ogni giorno .... Diciamo che faccio questo mestiere proprio per conoscerlo a fondo ... interpretando altre1000 personalità ...ma si può dire con certezza che sono una persona pulita, non mi sono mai sentito sporco un solo  giorno della mia vita . Sono quel che sono nel bene e nel male. Una persona di gran cuore, altruista e che si farebbe in quattro per aiutare chi è in difficoltà . E che se vede una persona stare male prova un dolore da spaccargli il cuore.  Spero di non essere stato troppo melodrammatico !!!! Ma questo sono io.
Nessuna descrizione disponibile.
 Descrivi il tuo giorno lavorativo perfetto….
Il mio giorno lavorativo perfetto è quando trovo armonia sul set,  l'armonia traina tutti tanto da chiuderci in una bolla anche se fuori c’è la terza guerra mondiale  !!!!Il set è una famiglia dove ci sono tutti i pregi e i difetti di una famiglia vera ma c’è tanto di quell’amore da straripare . Ecco questo è il mio giorno lavorativo perfetto. Un giorno fatto di armonia e amore.

Come  nasce il suo amore per la recitazione.
Credo che il mio amore per la recitazione sia arrivato fin da ragazzino forse da bimbo. Papà mi svegliava contro il volere di mia madre per farmi vedere film di Dario Argento, mi ricordo alle 3 di notte, o i western di Leone. Poi l'attore Gian Maria Volontè mi ha conquistato anzi direi stregato, poi qualche pausa con strade diverse ma l’amore per la recitazione covava dentro di me, c’era ed era forte e piano piano quel ricordo è  tornato prepotente e vivo  da farmi capire che era quella la mia strada!!! Le colpe dei padri ricadano sui figli!!!! Solo che lui mio padre è un analista chimico !!! L’ultimo dei chimici come ama definirsi lui .


A chi sei più grato per la tua passione artistica?
Sono grato al mio percorso di vita,  sono sempre stato un ribelle fin dall’asilo e non ho mai accettato regole, imposizioni, ingiustizie ... ho fatto sempre di testa mia, ho viaggiato tanto e letto. Ho vissuto e assaggiato metaforicamente  sapori diversi attraverso eventi difficili , brutti e belli ... ma se devo qualcosa però a qualcuno, quel qualcuno è Renato De Maria che mi scelse in un pub per il mio primissimo ruolo in un film e ancora prima al regista Berardo Carboni col quale feci un cortometraggio,  quando si era in 10 a farli , ecco  se devo qualcosa per  davvero la devo a Berardo Carboni regista col quale collaboro fin da ragazzo . Il nostro ultimo film Youtopia ha avuto apprezzamenti importanti da tutta la critica .

Nessuna descrizione disponibile.
Quali sono i personaggi dai quali si sente maggiormente influenzato o da cui trae ispirazione?
Personaggi che mi hanno influenzato: Mike Tyson,  Robert De Niro,  Al Pacino, Gina maria  Volonté, Flavio Bucci,  Salvo Randone,  Marlon Brando, Walt Disney con  Topolino poi  Diabolik,  Alan Ford, Dylan Dog, Fabrizio  De Andrè, Framncesco Guccini ....possono bastare ? Ah ultimo non ultimo Arthur Rimbaud

Nel suo  percorso professionale, quali sono stati i personaggi  più significativi che hai portato in video?
Sicuramente il Kurtz di Shooting Silvio mio primo film da protagonista  e l’ultimo che mi sta facendo conoscere a molti,  Sonny di Cobra non è



Che cosa vuol dire per Lei scrivere un buon soggetto  e  portare in scena un buon personaggio?
Scrivere per me ha a che fare col sacro, con l’ispirazione , quando scrivo e lo faccio fin dalla tenera età è come se fossi connesso con qualcosa di più grande di me e come fossi in stretta comunione con l’uno primordiale, è un qualcosa di astratto ma poi quando arriva sulla carta mi rendo conto di quanto sia tangibile . La scrittura assieme alla recitazione mi permette di svelare cose inaccessibili ad altri. E come se attraverso la scrittura vedessi ciò che prima o poi sarà .. cioè è come se la vedessi ma non così nitida e chiara ... altrimenti sai che noia .
Portare in scena un buon personaggio vuol dire per me la medesima cosa : connessione col mio io più profondo, annullare Federico per restituire l’altro da me . E un discorso complesso ma solo attraverso una specie di trance secondo me si riesce a portare in scena un buon personaggio. La tecnica, lo studio servono ma devi avere un quid in più per essere credibile e riuscire a convincere chi ti guarda che quello che stai portando in scena non sei tu. Deve esserci l’èmpatia totale col personaggio da parte del pubblico, ecco ...allora si che hai portato in scena un buon personaggio. Naturalmente questo secondo me, non dico sia la legge universale anche perché io sto ancora cercando di portarlo in scena un buon personaggio e ogni volta mi sembra di esserci vicinissimo.... ma poi .... mi sfugge .... e dura, ma è anche il bello della recitazione .. ottenere sempre il meglio da noi stessi misurarci metterci alla prova continuamente ... affinandoci sempre di più volta per volta .. io continuo a studiare a cercare E questa mia ricerca è essa stessa il mio più grande piacere .

Cambieresti qualcosa nel mondo del teatro e del  cinema  in cui ti sei formato?
 Ci sarebbero tante cose da cambiare nel teatro o nel cinema ma chi sono io per poterlo dire ? O poter fare qualcosa !!! sarebbe come una lotta coi mulini a vento e io amo Don Chisciotte  ma pensandoci bene nel mio piccolo cerco di essere io il cambiamento e mi basta .

C’è qualcosa che hai sognato di fare e non hai fatto?
Bhe sinceramebte non c’è niente in Italia che abbia sognato di fare e non ho fatto .

Che messaggio dà oggi il mondo dell’arte?
Un messaggio meraviglioso se si pensa che durante la quarantena se non ci fosse stata l’arte saremmo stati spacciati . Credo che l’arte sia indispensabile faccia bene all’anima di ognuno di noi . Immagina una quarantena senza musica? Film? Serie tv libri? Preferirei morire!!!!!credo dia un messaggio più che positivo che possa dare forza a chi non la ha o a chi l’ha perduta con la forza stessa di cui si nutre il sogno. Sognare fa bene al l’anima e al cuore

C’è spazio in Italia per giovani artisti talentuosi ?
Credo che non sia una questione di spazio . Lo spazio c’è ! Credo si tratti più di talento. In Italia si grida al miracolo al talento molto spesso poi si risolve tutto in un nugolo di fumo. Credo che bisogna andare cauti con queste due parole super usate qui da noi : genio e talento . E comunque lo spazio è ristrettissimo anche per chi dovesse averne è sempre più difficile farsi notare. Questo mestiere non tollera chi non lo prende sul serio o addirittura lo fa con leggerezza senza una profondità estrema.

Che cosa è troppo serio per scherzarci su?
Abbiamo tutti noi che facciamo cinema una grandissima responsabilità dal momento che poi veniamo visti da un numero sempre maggiore di persone . Per cui su questo diciamo che non ho troppa voglia di scherzare e poi sulla morte . Invidiavo Paolo villaggio, un genio, che invece scherzava ogni tre per due sulla sua morte imminente che è avvenuta poi molto più tardi di quanto se l’aspettasse

Il rapporto con la sua città Natale.
Il rapporto con Pescara e un po’ di odio e amore  ma col passare del tempo un po’ mi manca, mamma e papà si fanno vecchi e allora mi scende quella nostalgia natalizia ... di stare tutti attorno alla tavola come da tradizione anche vostra napoletana che adoro. La mia ex ragazza era di Napoli.  Amo Napoli e le sue tradizioni natalizie. Vorrei che ci fosse quella felicità del Natale, tutti insieme con i nonni ancora vivi, le mille portate e la gioia, la magia del Natale sempre viva .

I suoi prossimi impegni?
I miei prossimi impegni sono molteplici ci sono in programmazione due film, ve li voglio dire, uno E il Nuovo film Di Berardo Carboni E l’altro è un film bellissimo per la regia di stefano Amatucci, regista della vostra terra che con la sua opera prima Caina mi ha totalmente spiazzato. È nato nn bel Feeling tra noi. Poi ce ne sono altri ma aspettiamo a  parlarne .
























Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy