Il coreografo e danzatore Christophe Garcia : "vorrei che la danza fosse vista come una forma teatrale a sé stante e non solo come la sorellina astratta.." novembre 26, 2020 \\

Christophe parlaci di te, chi è Christophe Garcia?

Sono un coreografo e regista che non riesce a mantenere la calma. Mi diverto davvero a sperimentare nuovi percorsi di creazione.
Ero una ballerina, mi sono formata in musica e teatro, ho deciso subito di dedicarmi alla creazione, perché soprattutto mi piace far ballare le persone.
Sono appassionato, coraggioso e giocoso.

Come è nata la tua passione per la danza?
Dico spesso che ho iniziato a ballare per avvicinarmi alla musica e al teatro. Per me la danza è inseparabile dalle altre arti. Apre possibilità per il teatro permettendogli di dire cose diverse senza parole.
Mi piace vedere la gente ballare. Anche nella vita di tutti i giorni. È un piacere infinito osservare questo teatro naturale. Tutto si gioca ... piacere, seduzione, passione ... anche violenza e tristezza.
Artistes et équipe de création : Le problème avec le rose | Centre national  des Arts
Nello specifico, a chi sei più grato per la tua passione artistica?
Ho scoperto solo pochi mesi fa, all'età di 41 anni, che il sogno d'infanzia di mia madre era diventare una ballerina. Non ha mai seguito quel sogno e non lo ha mai fatto conoscere. Mi ha sempre incoraggiato e seguito durante tutta la mia formazione di giovane ballerina con grande discrezione e umiltà. Le sono grato per avermi trasmesso la sua passione senza nemmeno dirmi nulla del suo sogno, e per essere stata così discreta e lasciarmi ballare. È bello e un po 'triste allo stesso tempo ...
Sono anche infinitamente grato a mia nonna che mi ha introdotto alla musica classica. Mi ha fatto provare le mie prime emozioni artistiche.
Ci sono tante altre persone che mi hanno supportato e alle quali sono grato ...



Da quali ballerini e coreografi sei maggiormente influenzato o ispirato?
Amo i coreografi con una danza potente e incarnata. Dimitri Papaioanou, Maguy Marin, Mikael Keegan-Dolan e Mats Ek, sono dei grandi maestri per me.
Allo stesso modo, sono stupito dai ballerini che sanno come incarnarsi e immergersi profondamente nella loro danza. Quando ero più giovane, ero affascinata da Anna Laguna. Oggi, voglio soprattutto rendere omaggio ai ballerini della mia compagnia. Hanno questa meravigliosa combinazione di passione, potere, resa e poesia che mi commuove.
La Parenthèse | Christophe Garcia
Raccontaci della tua esperienza alla scuola di danza Béjart e del tuo rapporto con i mostri sacri della danza.
Quando ero un giovane ballerino, passavo ore a ballare davanti a uno specchio immaginando di avere le stesse enormi braccia dei ballerini del Béjart Ballet. Sono rimasto affascinato dall'infinità delle sue linee, dai suoi ballerini e dalla sottile musicalità che esprimevano.
Quando ero a scuola, Maurice Béjart era sempre gentile ma in qualche modo distante. Pensavo che non mi avesse notato.
Durante un'audizione per la quale avevo presentato un assolo di mia creazione, mi disse che era interessato alla mia coreografia e mi offrì un contratto con la compagnia. Era un sogno ad occhi aperti.
All'interno dell'azienda, avevo già un ardente desiderio di creare il mio lavoro. Ho creato il mio primo pezzo, un assolo per una ballerina sul tema di Alice. Maurice Béjart un giorno è entrato in studio per caso mentre stavamo lavorando. Era molto commosso e ha promesso di aiutarmi. Poche settimane dopo, ha presentato di persona questo assolo in una serata di gala dal titolo "carte blanche à Maurice Béjart". Un altro sogno! È stato l'inizio di un'avventura per me ... che dura da 20 anni. Gli sono infinitamente grato.

Com'è stato il passaggio da ballerino a coreografo?
È stata una transizione molto facile perché ... non volevo davvero essere una ballerina. Durante il mio primo contratto come ballerino al Béjart Ballet, mi sono reso conto che finalmente non volevo essere sul palco. Non volevo ripetere una coreografia ogni giorno. Non mi piaceva arrivare presto a teatro e provavo una certa tristezza alla fine di uno spettacolo, durante gli inchini.
Ero fuori posto e non capivo perché.
Non appena ho iniziato a creare, le prove si sono presentate. Posso lavorare all'infinito, a lungo, duramente, purché si tratti di creare. Mi sento meglio stare "dall'altra parte". Ora mi godo tutte le cose che non mi piacevano prima ... finché rimango in fondo alla stanza.
Ho un immenso rispetto per i ballerini, la loro rigorosa dedizione al lavoro, il loro senso della ripetizione e il rito del palco. Ma so di non avere quelle qualità. Le mie qualità si sono svolte in modo diverso, nella creatività e nel supporto dei ballerini.
La Parenthèse è stata creata nel 2000 con la speranza di raccontare storie di esperienza umana attraverso la danza e la musica. Parlaci della tua azienda La parenthèse. Come hai avuto questa idea e cosa pensi del suo futuro?
Ho creato “La parenthèse” quando ero molto giovane. È stata una sfida, piena di voglia di far ballare e costruire qualcosa che durasse. Sono felice di vedere che 20 anni dopo, l'azienda è ancora lì, più attiva e più forte che mai. L'azienda è ora riconosciuta. Stiamo girando molto in giro per il mondo e incontriamo un sacco di pubblico. Ci è voluto un po 'per costruirlo, ma non rimpiango nessuna delle fasi felici o difficili che ci hanno portato qui.
Per il futuro ... voglio rinnovare la forma dei miei spettacoli. Collabora con teatri d'opera, con altri artisti di teatro, musica, arti plastiche. Crea nuove forme immersive che possono essere danzate e suonate in nuovi luoghi, hotel, luoghi abbandonati, luoghi del patrimonio.


Se potessi svegliarti domani con un nuovo regalo, quale sceglieresti?
Vorrei che qualcuno mi prestasse le chiavi di un teatro o di un luogo dove potrei andare tutti i giorni a lavorare con i ballerini. Un luogo in cui potremmo invitare il pubblico a guardare le prove, a parlare di progetti e a ballare insieme ...
So che non è solo un regalo. Questo rappresenta molto lavoro. Ma è un desiderio fortissimo che ho avuto da molto tempo. E forse questo sogno potrebbe presto diventare realtà.

Cambieresti qualcosa nel mondo della danza in cui ti sei formato?
Non cambierei molte cose, ma se potessi, vorrei fare qualche piccolo aggiustamento. Prima di tutto, vorrei che la danza fosse vista come una forma teatrale a sé stante e non solo come la sorellina astratta, estetica e talvolta eccessivamente saggia del teatro. Vorrei anche che lavorassimo più lentamente. Che usciamo dalla corsa alla produzione. Possano i teatri e gli artisti legarsi tra loro per molto tempo. Usa questo tempo per conoscerti, andare avanti insieme, a volte commettere errori e creare legami con il pubblico, al di là delle creazioni e dei laboratori ...

Christophe Garcia - CHORÉGRAPHE ET METTEUR EN SCÈNE - LETTRE POUR ÉLÉNA -  La Rotonde
C'è spazio in Europa per giovani ballerini e coreografi di talento e, se vuoi cosa consigli ad un aspirante ballerino, cosa gli diresti?
Ci sono così tanti posti fantastici per ballare. Gli consiglierei di scegliere luoghi in cui faremo appello anche al suo senso della creatività, al suo pensiero. Luoghi che offrirebbero ponti tra le arti ...

Possiamo chiamarti cittadino del mondo?
In questi tempi di Coronavirus, sarebbe molto più facile essere un cittadino del mondo!Mi sento infinitamente piccolo e facilmente smarrito di fronte all'immensità delle culture. Penso che mi piace rimanere umile e posizionarmi come un uomo francese ed europeo, curioso del resto del mondo.

Il rapporto con la tua città natale.
Questa è una domanda molto difficile perché trovo difficile pensare a una città come la MIA CITTÀ. Sono nato in una piccola e bellissima città chiamata Annecy, nelle Alpi francesi. Poi ho vissuto in città molto grandi come Marsiglia, Montreal e Parigi, con le quali mantengo legami molto forti.Se consideriamo la città in cui si trova ora la mia casa, Vivo ad Angers. È una bellissima città nell'ovest della Francia, vicino al fiume Loira. Sono molto felice e orgoglioso di condividere parte della mia storia con questa città. Angers sta vivendo un periodo estremamente dinamico, in pieno interrogatorio e rinnovamento artistico. È molto rinvigorente sapere che i prossimi capitoli delle parentesi saranno scritti in questa città.
Christophe Garcia | Béjart Ballet Lausanne

Lavorare ai tempi del coronavirus: qual è la reazione dei giovani artisti a questa emergenza virale e umanitaria?
Jocker ... HAHAHA!No, in realtà, mi sento fortunato ad avere molte nuove idee legate a questa situazione in cui viviamo. Innanzitutto abbiamo creato NIEBO HOTEL, una performance intima che si è svolta in un hotel ad Angers. Il pubblico era solo o in coppia nelle stanze con i ballerini. Sono stato anche invitato a creare uno spettacolo in videoconferenza "La questione dei fiori". Questo spettacolo è ora in tournée in Quebec (Canada) mentre io stesso non posso andarci ... È comunque rassicurante sapere che anche se non possiamo viaggiare, la tecnologia di oggi ci dà l'opportunità di creare virtualmente.

I tuoi impegni futuri?
Sto lavorando alle "Nuits d’été" di Hector Berlioz. Non vedo l'ora di creare questo spettacolo. Avrà prima forma classica, con orchestra, cantanti e ballerini, in collaborazione con teatri d'opera in Francia.
Sto anche lavorando a un entusiasmante progetto di creazione con Florida Ballet negli Stati Uniti.




Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy