Vienteterr, Dalla Costa d’Amalfi al Mediterraneo: voce e tammorra di Christian Brucale dicembre 2, 2020 \\

Vienteterr
Dalla Costa d’Amalfi al Mediterraneo: voce e tammorra di Christian Brucale
L'Opinione delle Libertà
di Raffaele Messina


Come il vento di terra che a sera spira forte dalla costa d’Amalfi verso il mare, così la voce e la tammorra di Christian Brucale prendono il largo, si propagano nel Mediterraneo. Diffondono profonde radici popolari partenopee; ne ricevono, al contempo, ulteriori suggestioni: sonorità ora magrebine ora del Vicino Oriente.
Vietri sul Mare, esordio discografico per Christian Brucale con  "Vienteterr" - Positanonews
Ma dalla costa campana, dal cuore di Napoli come dall’agro nocerino-sarnese e dai monti cilentani, non giungono più languori d’amore al chiaro di luna. Le parole e i suoni di Vienteterr, raccolta di Christian Brucale disponibile in CD, non sono affatto dolci. Quelle che ci propone il cantautore e percussionista salernitano sono, invece, canzoni di forte impatto sociale. Storie di violenza camorristica dilagante, a partire dall’uccisione per ‘errore’ della giovanissima Annalisa Durante (E mmane sporche); storie d’incidenti e morti sul lavoro, come i dodici operai colpiti dall’esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio di Sant’Anastasia (ʾA Flobert); storie di disoccupazione e lotta per il lavoro (Speranza), storie di contrasti tra genitori e figli che la miseria e le tentazioni della strada acuiscono (ʾE figlie). E poi, ancora, il recupero delle tradizioni popolari, siano esse legate al culto della Madonna dell’Arco (Fujenti) o di lotta antiborbonica (La palummella).
Christian Brucale è nato a Salerno il 20 aprile 1985. Sin da bambino ha coltivato la passione per la musica, soprattutto di quella popolare, e ha compiuto i primi passi come cantante e percussionista all’interno dell’associazione “I Menestrelli” di San Domenico Savio. Nel 2007 ha fondato, con altri colleghi, la “Compagnia Daltrocanto” e organizzato concerti nelle maggiori città italiane ed europee, da Roma a Lisbona, da Torino a Francoforte e Ginevra. Determinante nel processo di maturazione artistica è stata la decisione d’iscriversi al Conservatorio Musicale “G. Martucci” di Salerno, dove ha conseguito il diploma nel 2011.  
Il 6 gennaio 2011 ha aperto il “Concerto dell’ Epifania” su Rai Uno, in collaborazione con Avion Travel, Matia Bazar, Enzo De Caro, Eugenio Bennato e Sal Da Vinci. Nel 2013 ha partecipato al “Premio Pierangelo Bertoli” in collaborazione con i Nomadi, Mariella Nava ed Eugenio Finardi. Nel 2015 ha conosciuto il musicista e cantautore Gianfranco Caliendo, noto per essere stato l’anima musicale e creativa del Giardino Dei Semplici. Con la sua collaborazione sono maturate le partecipazioni al festival della canzone classica napoletana “Napoli Classic in Tour” e al Festival di Napoli New Generation 2017, dove ha ottenuto il secondo posto in classifica con il brano “E ’mmane sporche”. Ed è proprio a partire da questo risultato che ha prenso corpo l’idea del primo album, “Vienteterr” (2018), progetto discografico che ha avuto  ancora Gianfranco Caliendo come produttore artistico e arrangiatore.
Vedremo ancora Christian Brucale impegnato nell’insegnamento di percussioni, prevalentemente rivolto ai bambini con difficoltà psicomotorie, e, soprattutto, lo vedremo ancora cantare e suonare nelle piazze delle cittadine campane con altri brani inediti, rivisitazioni e omaggi musicali. Insomma, un “Viernteterr 2” nel quale potranno confluire tutte le nuove sorprese.  
L'INARRESTABILE CHRISTIAN BRUCALE con“VIENTETERR” – PagineOnline

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy