Luca Pizzurro, AUTORE PREMIATO al XVI° Premio Letterario Internazionale NCC luglio 25, 2021 \\

Iniziativa "Una vetrina in più" riservata agli Autori e alle Opere premiate



Luca Pizzurro -  autore dell'Opera " Alluccamm"
vincitore del  1° Premio  per la  Sezione Testo Teatrale

Sinossi dell'Opera
La storia si svolge a Napoli, dopo l'armistizio dell'8 settembre del '43. Dentro un basso, nel cuore dei quartieri spagnoli, vive Dolores, in arte Reginella, ex sciantosa del Café Chantant napoletano, costretta dagli eventi e dalla miseria portata dalla guerra, a prostituirsi.
Il contatto con l'esterno si manifesta tramite gli incontri con Jolanda, amica di vecchia data di Dolores, prostituta anch'essa. Le due amiche sono molto diverse.
Dolores, 45 anni, bella, vanitosa, dal carattere spigoloso, burbera, analfabeta.
Jolanda, 35 anni, bruttina, solare, sa leggere e scrivere, ama girare per le strade della città, sogna di fare la commessa in un grande magazzino.
La condizione di sopravvivenza, senza la presenza di uomini, per due prostitute, diventa sempre più precaria. Il motivo dell'assenza degli uomini è dovuto all'editto del Comando nazista che ordina il rastrellamento degli uomini napoletani e il loro invio nei campi di lavoro in Germania. L'alternativa è la fucilazione immediata. Jolanda viene a sapere che al Comando tedesco stanno organizzando uno spettacolo di Varietà e convince Dolores a riprendere il baule con i suoi costumi e le sue parrucche, per preparare lo spettacolo. Dolores, all'inizio si dimostra assolutamente contraria alla possibilità di rimettere piede in un palcoscenico, ma messa alle stelle dalle condizioni di assoluta precarietà, accetta. Il basso di Dolores si trasforma in una vera e propria sala prove.Il nervosismo e la fame fanno scaturire una furibonda litigata che vede le due protagoniste prendersi per i capelli, fino a che nelle mani dell'una non resterà la parrucca dell'altra, rivelando in modo crudo e spietato la vera identità delle nostre due protagoniste: Jolanda e Dolores sono due FEMMINELLI. La lite delle due viene interrotta dal rumore di qualcuno che bussa alla porta. Trovano un fagotto abbandonato, che copriva un neonato. Questo bambino porterà le due donne a porsi una serie di quesiti sull'esistenza, la morte, l'abbandono, dando il coraggio di raccontarsi reciprocamente le proprie esperienze di bambini “diversi”.L'impossibilità di osare nutrimento a questo bambino, prenderà la decisione alle due protagoniste di lasciarlo alla ruota degli esposti, alla chiesa dell'Annunziata. I dubbi iniziali di Dolores sulla opportunità di presentare al Comando tedesco erano tutt'altro che infondati. Lo spettacolo diviene solo un pretesto per dare la possibilità ai soldati tedeschi di sfogare sui corpi dei nostri due femminelli tutta la loro brutalità animale.
Jolanda e Dolores stanno per essere fucilate, ma riescono a scappare. Raggiungono il basso. Doloranti, confuse ed impaurite non sanno più cosa fare, proprio in quel momento dai vicoli si alza una voce: “Gli Americani so Sbarcati”. Il popolo, forte della presenza degli americani, insorge ed anche Jolanda e Dolores imbracciano le armi e combattono le “loro” quattro giornate di Napoli, “Alluccando”, gridando. In nome della libertà.
 
MOTIVAZIONE
La Storia un continuo ripetersi di avvenimenti solo apparentemente economici.
In questo rientrano l'orrore della guerra, la vertigine della violenza, l'insopportabile banalità del male contrapposta, flebilmente, alla luminosa grandezza della ricerca: filosofica, artistica, scientifica.
La vicenda di Alluccamm è calata nella Napoli della grande Guerra del '45, e di questo clima sviscera tutta la crudezza e la nobiltà attraverso la vita delle due protagoniste. Possiamo definirle così? Al femminile?
Certo, quelle che stanno facendo la commedia sono le parti femminili, spesso e pur così presenti, di ogni uomo. Quella parte che attiene alla cura, all'umanità, al pensiero per gli altri.
Jolanda e Dolores per sbarcare il lunario si offrono a ore al nauseante desiderio dei stranieri che non risponde solo al nome di stranieri che non sono nemici del diverso, dell'improbabile, del malato, dello sbagliato, di cui comunque vogliono saziarsi per soddisfare la loro fame .
Quando si scopre la verità, la doppia vita, quando si scopre che sotto il corpo di donna si cela l'uomo, la deflagrazione è potente, la violenza non trova più alibi per non manifestarsi.
Eppure la vicenda continua a camminare in equilibrio sul filo, equilibrio che si spezza all'apparire di un neonato che precipita nelle braccia dell'umanità incerta di Iolanda e Dolores, personaggi che oscillano fra uomo e donna.
Il neonato sembra la luce in fondo al tunnel, ma manca il coraggio di andare a vedere se quella luce è la fine della galleria accesi di un treno che sta per investire i protagonisti.
Ben presto si capisce che quella luce è il treno che sta per giungere, armato di fucili per l'esecuzione dei due femminielli, ma la liberazione degli americani giunge a una benedizione, quasi una redenzione di tanto peccare per non morire.
Il merito di ALLUCCAMM, forse inconsapevole, è di aprire uno squarcio sulla storia di ieri che ci racconta una storia di oggi: È infatti vero che la violenza di genere è sempre più presente e si cerca una risposta nella riflessione scaturita dalla discussione sul “gender ” che ha partorito una nuova generazione che si percepisce come fluid: fluida.
Fluida perché non vuole scegliere da che parte stare, visto che sente di appartenere a ognuna delle parti, tentando così di eliminare differenze, privilegi, pregiudizi.
Andrea Ciresola.


BIOGRAFIA dell'Autore

LUCA PIZZURRO è nato a Roma il 17 marzo 1977, agli studi classici e al DAMS unisce un percorso formativo che lo mette in contatto con le tecniche recitative di maestri del teatro come Eugenio Barba, Jerzy Grotowsky, Dario Fo. Dal 1993 inizia una brillante e intensa carriera di autore, regista e attore che lo vede nei teatri nazionali ed europei, nonché in produzioni televisive al fianco di importanti registi e attori italiani, tra i quali Arnoldo Foà, Giancarlo Sepe, Walter Manfrè, Silvio Giordani , Luigi De Filippo, Monica Guerritore, Nando Gazzolo, Erica Blanc, Silvio Spaccesi, Nino Castelnuovo. Il suo lavoro spazia dal repertorio classico a quello contemporaneo. Dal 1995 è fondatore e direttore della Compagnia Teatrale "Viaggi&Miraggi",
 
Ha scritto per il teatro: "Disoccupato da morire", "Clandestino", "Totò cuoco della reggia", "Passione H2O", "Il Sapore delle mele", "L'Homme Thèatre", "Salmocinquantacinqueversodiciotto", "Ad occhi chiusi ", "Le lunghe notti del 43", "Fuori Sede", "La mia futura EX", "LP Nome e Cognome", "Je m'en fous", "Una famiglia Italiana", "Charlie Chaplin a man's Story", “Gabrielle”, “Emma”, “God Save the King”, “I Will”, “Rodari un'intuizione fantastica“, “Federico”, “Alluccamm”. Per il cinema è autore di "Lame a doppio taglio sul filo del rasoio".
 
PREMI
  • Nel 2001 con " Salmocinquantacinqueversodiciotto " ha vinto il primo premio come migliore spettacolo del Teatro Classico di Altamura (BA) e il premio come miglior adattamento da Teatro Classico del Concorso Carola Fornasini-ETI, Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico.
  • Nel 2013 con " Fuori Sede " ha vinto il primo premio come miglior spettacolo del Concorso “Teatro Giovani” indetto dall'AGIS – Teatro Argentina
  • Nel 2015 con " P. Nome e Cognome " ha vinto il Premio Internazionale di drammaturgia “Lago Gerundo” di Milano.
  • Nel 2016 con “Je m'en fous” ha vinto il Premio Alessandro Fersen alla Regia – Milano
  • Nel 2017 con “ Charlie Chaplin - A mans'story ” ha vinto il Premio “L'Italia dei Visionari” Cantù e il terzo posto del Premio Internazionale di Drammaturgia “Lago Gerundo” Milano.
  • Nel 2020 con “ Ad occhi chiusi ” ha vinto il Premio Napoli Cultura Classic Drammaturgia
  • Nel 2021 con “ I Will” finalista Premio Tragos MI per la sezione Regia
  • Nel 2021 con “ Alluccamm ” secondo posto Premio Letterario Int.le Città di Castrovillari Accademia delle Arti
  • Nel 2021 con “ Alluccamm” terzo posto Premio Int.le Castrovillari Città Cultura
  • Nel 2021 con “ Alluccamm” ha vinto il Premio Napoli Cultural Classic

PUBBLICAZIONI PER IL TEATRO
  • Nel 2004 Il Sapore delle mele - Passione H20 – due opere teatrali di Luca Pizzurro Edizione La
  • Nel 2015 P. Nome e Cognome e Je M'en Fous - due opere teatrali di Luca Pizzurro Edizione Morellini
  • Nel 2018 A Man's Story – Gabrielle- Dante Restart tre opere teatrali di Luca Pizzurro Edizione Morellini
Nel 2021 Alluccamm di Luca Pizzurro Gremese Editore
 
 

INTERVISTA a Luca Pizzurro

TORNA ALLA  CLASSIFICA DEFINITIVA  del XVI° Premio Letterario Internazionale Napoli Cultural Classic

Facebook
Disclaimer.

Le foto presenti su www.culturalclassic.it sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail info@culturalclassic.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Photo Stream.
Chi Siamo

Siamo una Associazione nata nel 2000, apartitica e interconfessionale, denominata “Napoli Cultural Classic” (Associazione Culturale volta alla diffusione dell’arte e della cultura, diretta alla promozione di artisti e di studiosi in fase di  affermazione nel campo del cinema, teatro, televisione, musica, danza, arte figurativa, moda, scrittura, scienze giuridiche e tecnologiche e di tutte le altre forme di scibile che i soci ordinari riterranno opportuno inserire.).

Privacy Policy