Pellizier: regista della nuova generazione